Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.


OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE DI INFORMAZIONE SCOLASTICA

Sul sito del Ministero dell’Istruzione è disponibile l’Ordinanza relativa alla mobilità del personale docente, educativo ed Ausiliario,Tecnico e Amministrativo (ATA) per l'anno scolastico 2020/2021. Il personale docente potrà presentare domanda dal 28 marzo al 21 aprile 2020
Le preferenze esprimibili sono 15 e possono consistere in: scuole, distretti, comuni, province.
mobilitàPREFERENZE DI DISTRETTO, COMUNE, PROVINCIA
Le indicazioni di tipo sintetico (distretto, comune, provincia) comportano, pertanto, che l'assegnazione può essere disposta indifferentemente per uno qualsiasi degli istituti, scuole compresi, rispettivamente, nel distretto, nel comune o nella provincia. 

In caso di preferenza sintetica possono inoltre essere espresse , le seguenti disponibilità:

a) istruzione degli adulti, che comprende:

  • corsi serali degli istituti di secondo grado;
  • centri territoriali riorganizzati nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti;

b) sezioni carcerarie ove esprimibili;

c) sezioni ospedaliere;

d) licei europei.

DOCENTE CHE OTTIENE TITOLARITÀ SU SCUOLA AVENTO ESPRESSO RICHIESTA ANALITICA
Secondo quanto previsto dall’art. 2, comma 2, del CCNI sottoscritto in data 6 marzo 2019 concernente la mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per gli anni scolastici relativi al triennio 2019/20, 2020/21, 2021/22 che richiama l’art. 22, comma 4, lett. a1) del CCNL istruzione e ricerca del 19 aprile 2018, il docente che ottiene la titolarità su istituzione scolastica a seguito di domanda volontaria, sia territoriale che professionale, avendo espresso una richiesta puntuale di scuola, non potrà presentare domanda di mobilità per il triennio successivo.
Ciò significa che, qualora la domanda di mobilità del docente sia stata soddisfatta in una delle preferenze analitiche espresse (una delle istituzioni scolastiche indicate), il docente non potrà presentare una nuova domanda di mobilità volontaria prima che siano trascorsi tre anni scolastici. 


DOCENTE CHE OTTIENE TITOLARITÀ SU SCUOLA AVENTO ESPRESSO DISTRETTO SUBCOMUNALE
Analogo vincolo triennale si applica nel caso di mobilità ottenuta su istituzione scolastica nel corso dei movimenti comunali attraverso l’espressione del codice di distretto sub comunale. Tale vincolo opera all’interno dello stesso comune anche per i movimenti da posto comune a sostegno e viceversa, nonché per la mobilità professionale.
Si tratta quindi di docenti già titolari in una scuola del comune in questione che ottengono il trasferimento all'interno dello stesso comune, venendo soddisfatti su preferenza di distretto. 

Nel caso di mobilità ottenuta su istituzione scolastica nel corso dei movimenti della I fase attraverso l'espressione del codice di distretto sub comunale, il docente non potrà presentare domanda di mobilità volontaria per i successivi tre anni".

Esempio: docente titolare su scuola a Roma, esprime come preferenza il distretto sub comunale n. 13 di Roma. Qualora la domanda di mobilità venga soddisfatta su tale preferenza, trattandosi della fase comunale, il docente sarà sottoposto a blocco triennale, anche se è stato soddisfatto su preferenza di distretto.

 

PRECEDENZE E VINCOLO TRIENNALE
Il vincolo triennale non si applica ai docenti beneficiari delle precedenze di cui all’art. 13 del CCNI sottoscritto in data 6 marzo 2019 e alle condizioni ivi previste da suddetto contratto, nel caso in cui abbiano ottenuto la titolarità in una scuola fuori dal comune o distretto sub comunale dove si applica la precedenza, né ai docenti trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata, ancorché soddisfatti su una preferenza espressa.


DOMANDA SODDISFATTA SU PREFERENZA SINTETICA
Il blocco triennale non si applica nel caso in cui la domanda di mobilità del docente sia stata soddisfatta in una delle preferenze sintetiche (provincia, comune, distretto). Infatti, ancorché anche in questo caso il docente otterrà in definitiva la titolarità su scuola (essendo stati aboliti gli ambiti), lo stesso non sarà soggetto al blocco triennale per la semplice ragione che non ha richiesto puntualmente la scuola in questione, ma ha espresso una preferenza di comune\distretto\provincia. Ad esempio, il docente richiede il distretto n. 12, viene soddisfatto in una scuola del distretto e negli anni successivi non sarà soggetto al relativo blocco. 

Ordinanza mobilità
CCNI mobilità triennio 2019\2020, 2020\2021 e 2021\2022

Pin It

MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

concorso a cattedra 2019

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1