fbpx
martedì, Maggio 17, 2022
HomeSupplenzeMAD Trento: sistema informatizzato; scadenza 28 agosto primaria; 30 agosto secondaria; ecco...

MAD Trento: sistema informatizzato; scadenza 28 agosto primaria; 30 agosto secondaria; ecco chi può presentare istanza

Tutti gli aspiranti docenti in possesso dei requisiti per l’insegnamento (corrispondenza del titolo di studio e del piano di studi a quando previsto dalla normativa di settore per i tipi posto “comune”) potranno presentare domanda informatizzata di messa a disposizione (MAD) per le Istituzioni scolastiche della provincia autonoma di Trento, attraverso il sistema informatizzato presente sul portale vivoscuola.it

Di seguito i link per accedere alla piattaforma:

Le domande potranno essere presente fino al 28 agosto ore 12 per la scuola primaria e fino al 31 agosto ore 12 per la scuola secondaria di I e II grado.

CHI PUÒ PRESENTARE DOMANDA
POSTO COMUNE

Può presentare domanda l’aspirante docente in possesso dei requisiti per l’insegnamento, ovvero corrispondenza del titolo di studio e del piano di studi a quanto previsto dalla normativa di settore in relazione alla tipo posto “scuola comune” per la scuola primaria e al tipo posto “posto comune” per la scuola secondaria, in quest’ultimo caso con specifico riferimento a quanto previsto dai decreti ministeriali per l’accesso alla classe di concorso prescelta.

POSTO SPECIFICO
Per il tipo posto “posto specifico” (sostegno, lingua straniera scuola primaria, metodologie didattiche Clil, Montessori), il possesso del relativo titolo di idoneità/specializzazione non è un requisito obbligatorio per accedere alla tipologia di posto, ma è considerato criterio di priorità. Significa che il Dirigente scolastico, nel comparare le domande, dovrà dare precedenza ai docenti che possiedono il relativo titolo di idoneità/specializzazione.

24 CFU
Allo stesso modo, il possesso dei 24 CFU/CFA nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche non è un requisito obbligatorio, ma è considerato uno dei criteri di priorità per la scuola secondaria

QUANDO SI UTILIZZANO LE MAD
Nel caso di esaurimento delle graduatorie d’istituto il dirigente dell’istituzione scolastica conferisce gli incarichi annuali e le supplenze temporanee utilizzando prioritariamente le graduatorie di altre istituzioni scolastiche della provincia di Trento secondo un criterio di viciniorietà e d’intesa con i competenti dirigenti.
Successivamente, ove necessario, il dirigente dell’istituzione scolastica procede al conferimento degli incarichi annuali e delle supplenze temporanee attraverso la comparazione, in osservanza ai criteri stabiliti dalla Giunta provinciale, delle domande di assunzione presentate direttamente all’istituzione scolastica (MAD).

COME PRESENTARE LA DOMANDA
La domanda di inserimento negli elenchi MAD deve essere compilata e inviata esclusivamente in modo telematico, tramite la Carta Nazionale dei servizi (CNS) o la Carta Provinciale dei servizi (CPS) oppure tramite SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sul sito Vivoscuola sarà presente un apposito link per accedere alla compilazione e inoltro della domanda.

COME SI SCELGONO LE SCUOLE
Il sistema darà la possibilità di scegliere le scuole dell’ordine e grado riferibile al tipo posto/classe di concorso per cui il docente vuole presentare domanda di messa a disposizione. Non c’è un numero massimo di istituzioni scolastiche selezionabili mentre il numero minimo è pari a 1.

REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Una volta inviata, la domanda di messa a disposizione è valida per l’intero anno scolastico. E’ possibile presentare un’ulteriore domanda su tipo posto/classe di concorso differente. In riferimento alla scuola secondaria, il docente che volesse inserirsi su più classi di concorso dovrà presentare più domande.
Il docente che è inserito in Graduatoria d’Istituto per un tipo posto/classe di concorso non può presentare domanda MAD per lo stesso tipo posto/classe, a meno che per l’istanza MAD non vengano selezionati Istituzioni scolastiche differenti rispetto a quelle indicate nell’allegato sedi all’atto dell’iscrizione nelle Graduatorie d’Istituto. Il docente che è inserito nelle Graduatorie d’Istituto per un tipo posto/classe di concorso, può presentare domanda MAD per un diverso tipo posto/classe, avendone i requisiti, anche nella stessa scuola in cui è già inserito.

DOCENTI INSERITI NELLE GRADUATORIE DI ALTRA PROVINCIA
Uno docente inserito nelle Graduatorie d’istituto di altra provincia può presentare liberamente domanda.

COME VIENE EFFETTUATA LA SCELTA DEL SUPPLENTE
La scelta del supplente viene effettuata dal Dirigente scolastico sulla base dei criteri di priorità stabiliti dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 1090 del 3 agosto 2020 Il docente dichiara nella domanda il possesso di tali criteri e il sistema informativo raggruppa poi i docenti in sezioni distinte, a seconda dei criteri di priorità da essi posseduti. In altre parole, la combinazione dei criteri di priorità consente di individuare delle sezioni di docenti, che soddisfano uno o più di criteri di priorità, a cui il Dirigente deve attenersi per effettuare la scelta. Nel caso di più docenti presenti nella medesima sezione di priorità (ad esempio, docente Tizio e docente Caio entrambi in possesso dei 24 CFU), vale per la scelta del Dirigente l’ordine cronologico di presentazione della domanda (ad esempio, proseguendo nell’ipotesi precedente, il docente Tizio ha presentato domanda il 16 agosto, il docente Caio il 18 agosto: il Dirigente è tenuto a scegliere il docente Tizio per coprire il posto).

QUALI SONO I CRITERI DI PRIORITÀ
Per tutte le tipologie di posto: 

  • abilitazione all’insegnamento sulla classe specifica sui cui si candida (solo scuola secondaria)
  • un anno di servizio (180 gg) nella specifica classe di concorso/posto per il quale ci si candida, maturato in istituzioni scolastiche provinciali a carattere statale, svolto con il relativo titolo. Nel caso del posto di sostegno/lingua scuola primaria/clil la priorità si ritiene posseduta anche se il servizio è stato svolto senza il relativo titolo di specializzazione/idoneità;
  • tre anni di servizio (180 gg + 180 gg + 180 gg) nella specifica classe di concorso/posto per il quale ci si candida, maturato in istituzioni scolastiche provinciali a carattere statale, svolto con il relativo titolo. Nel caso del posto di sostegno/lingua scuola primaria/clil la priorità si ritiene posseduta anche se il servizio è stato svolto, in tutto o in parte, senza il relativo titolo di specializzazione/idoneità;
  • possesso dei 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche (solo scuola secondaria)

per le tipologie di posto specifico – sostegno, lingua straniera scuola primaria, metodologie didattiche (Clil, Montessori):

  • titolo di specializzazione/idoneità relativo al tipo posto, con riferimento all’ordine e grado di scuola per cui il docente si candida come supplente, secondo quanto qui appresso definito;

Sostegno

  • Diploma di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità per i posti di sostegno con riferimento all’ordine e grado di scuola per cui il docente si candida come supplente;

Montessori – Scuola primaria

  • -Diploma di specializzazione nella didattica differenziata Montessori;

Lingua straniera e metodologia Clil – Scuola primaria

  • prova facoltativa sostenuta nell’ambito dei concorsi per esami e titoli o nell’ambito delle sessioni riservate per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento e corsi speciali abilitanti;
  • specifico corso di studi seguito nell’ambito della laurea in scienze della formazione primaria;
  • lauree previste dalla normativa vigente per l’accesso all’insegnamento delle classi di concorso 24/A o 25/A per le lingue straniere tedesco e inglese;
  • prova di accertamento indetta dalla ex Sovrintendenza scolastica provinciale;
  • certificazioni linguistiche lingua straniera inglese e/o tedesco di livello pari o superiore al B2;
  • attestato di bilinguismo per la lingua tedesca rilasciato dalla Provincia Autonoma di Bolzano di livello pari o superiore al B.

Metodologia Clil – Scuola secondaria di primo grado

  • Certificazioni linguistiche lingua straniera inglese e/o tedesco di livello pari o superiore al B2. Per la lingua tedesca è considerato anche l’attestato di bilinguismo rilasciato dalla Provincia autonoma di Bolzano di livello pari o superiore al B.

Metodologia Clil – Scuola secondaria di secondo grado 

  • Certificazioni linguistiche lingua straniera inglese e/o tedesco di livello pari o superiore al C1. Per la lingua tedesca è considerato anche l’attestato di bilinguismo rilasciato dalla Provincia autonoma di Bolzano di livello A

Vedi la Guida
Vedi le FAQ
Vedi la Circolare

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI