fbpx
giovedì, Maggio 26, 2022
HomeSostegnoTFA sostegno Infanzia: 15 posti disponibili presso l'Università di Parma per i...

TFA sostegno Infanzia: 15 posti disponibili presso l’Università di Parma per i candidati idonei di altri atenei

Il D.M. 92/2019, art. 4 comma 5, ha previsto che:

Nel caso in cui la graduatoria dei candidati ammessi risulti composta da un numero di candidati inferiore al numero di posti messi a bando, si può procedere ad integrarla con soggetti, collocati in posizione non utile nelle graduatorie di merito di altri atenei, che ne facciano specifica richiesta, a loro volta graduati e ammessi dagli atenei sino ad esaurimento dei posti disponibili. A tal fine, preso atto che la valutazione dei titoli di cui all’articolo 6, comma 8 del DoM7 Sostegno è demandata alle autonome scelte delle sedi, gli atenei provvedono a rivalutare i titoli dei soggetti di cui al presente comma in conformità ai propri bandi A”.

È questo il caso dell’Università di Parma che con avviso pubblicato oggi 30 novembre 2020 ha reso noto la disponibilità di n. 15 posti per la scuola dell’infanzia. I candidati collocati in posizione utile nella graduatoria di merito della scuola dell’infanzia a.a. 2019\2020 di altri atenei, potranno quindi presentare domanda di partecipazione dalle ore 12:00 del 30/11/2020 fino alle ore 12:00 del 11/12/2020, esclusivamente in via telematica, collegandosi al sito dell’Università degli Studi di Pama www.unipr.it avendo a disposizione carta di identità o passaporto, codice fiscale, collegamento a stampante. Oltre tale termine, non sarà più consentito presentare alcuna domanda/documentazione o produrre eventuali integrazioni. Gli interessati dovranno, al fine di evitare l’esclusione, seguire la procedura online indicata.

Nel caso in cui le domande di partecipazione dovessero essere superiori rispetto ai posti messi a bando, allora si procederà a graduare i candidati, provvedendo, così come dispone l’art. 4 comma 5 del DM 92/2019, alla rivalutazione dei titoli dei concorrenti (ciò in considerazione del fatto che ciascuna università ha definito criteri diversi per la valutazione dei titoli).

VEDI L’AVVISO

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI