HomeRicostruzione di carrieraRetrodatazione giuridica della nomina: per la carriera il periodo si valuta come...

Retrodatazione giuridica della nomina: per la carriera il periodo si valuta come servizio di ruolo

L’immissione in ruolo può avere la stessa decorrenza giuridica ed economica oppure una decorrenza giuridica anteriore rispetto a quella economica.

DECORRENZA GIURIDICA
Per il personale scolastico, la decorrenza giuridica decorre dal 1° settembre dell’anno in cui viene effettuata la nomina e stipulato il relativo contratto.

DECORRENZA ECONOMICA
La decorrenza economica ha inizio dall’effettiva presa di servizio.

QUANDO LA DECORRENZA ECONOMICA NON COINCIDE CON QUELLA GIURIDICA
Può accadere che la decorrenza giuridica non coincida con quella economica. Ciò si verifica quando l’immissione in ruolo del personale avviene ad anno scolastico già avviato (quindi dopo il 1° settembre) per cui, mentre la decorrenza giuridica sarà sempre dal 1° settembre dell’anno in questione, quella economica (quindi l’effettiva presa di servizio) avverrà dal 1° settembre dell’anno successivo. 

Esempio: Il docente viene convocato e nominato per la stipula del contratto a tempo indeterminato con decorrenza 1° settembre 2020 ma con effettiva presa di servizio a partire dal 1° settembre 2021. In tal caso la decorrenza giuridica sarà il 1° settembre 2020 mentre quella economica sarà il 1° settembre 2021.

LA VALUTAZIONE AI FINI DELLA MOBILITÀ
Ai fini della valutazione per la mobilità del periodo di retrodatazione giuridica della nomina occorre distingue 3 diverse situazioni:

  • Se il periodo di retrodatazione giuridica non è coperto da alcun servizio prestato, viene valutato 3 punti per ogni anno per tutti gli anni sia nella mobilità d’ufficio che in quella a domanda.
  • Se il periodo di retrodatazione giuridica è coperto da servizio prestato in altro ruolo rispetto a quello di appartenenza è valutato 6 punti nella mobilità a domanda e 3 punti per ogni anno per tutti gli anni nella mobilità d’ufficio.
  • Se il periodo di retrodatazione giuridica è coperto da servizio prestato nello stesso ruolo di appartenenza, viene valutato come servizio di ruolo a tutti gli effetti quindi 6 punti sia nella mobilità a domanda che in quella d’ufficio.

LA VALUTAZIONE AI FINI DELLA RICOSTRUZIONE DI CARRIERA

La ricostruzione di carriera è quell’istituto che permette di ottenere il riconoscimento degli anni di servizio di pre-ruolo, derivanti sia da rapporti di lavoro a tempo determinato sia da anni di servizio svolti in altro ruolo, unitamente all’eventuale servizio militare di leva, al fine dell’inquadramento nella fascia stipendiale di riferimento. 

La retrodatazione giuridica consente di considerare, ai fini della ricostruzione di carriera, gli anni di servizio resi in qualità di supplente nel periodo intercorrente tra la data di retrodatazione e quella di nomina effettiva. Il periodo viene considerato di ruolo anche se non coperto da alcuna prestazione lavorativa.

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI