fbpx
giovedì, Luglio 25, 2024
HomePercorsi AbilitantiPercorsi abilitanti: frequenza obbligatoria, eventuale selezione in ingresso, riconoscimento 24 CFU

Percorsi abilitanti: frequenza obbligatoria, eventuale selezione in ingresso, riconoscimento 24 CFU [FAQ Università di Pisa]

Si attende nelle prossime settimane il decreto del MUR con il quale sarà formalizzata l’offerta formativa degli atenei che potranno attivare i percorsi abilitanti (università accreditate, classi di concorso attivate e posti disponibili).

L’Università di Pisa ha pubblicato delle utili FAQ (in aggiornamento) distinte in base alle tre tipologie di percorsi:

  • Percorso da 60 CFU
  • Percorso da 30 CFU (per coloro che hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o presso le scuole paritarie per almeno 3 anni, anche non continuativi nei 5 anni precedenti, di cui almeno 1 nella specifica classe di concorso o che hanno sostenuto la prova concorsuale relativa alla procedura straordinaria)
  • Percorso da 30 CFU per coloro che intendono conseguire i “primi 30 CFU” necessari per poter partecipare ai concorsi.

FAQ PERCORSO DA 60 CFU
Che cosa è il percorso formativo e abilitante da 60 crediti (PF60)?
Il PF60 è un percorso di formazione iniziale che consente di ottenere l’abilitazione all’insegnamento sul posto comune nella scuola secondaria di I e II grado (di cui all’art. 2-bis del D.lgs. n. 59/2017 e DPCM del 4 agosto 2023, Allegato 1).

Il percorso è organizzato per classi di abilitazione diverse.
Elenco delle classi di abilitazione per le quali l’Ateneo di Pisa ha chiesto l’accreditamento.

Come è strutturato il PF60?
Il percorso è articolato in:

  • corsi di Area comune (insegnamenti comuni a tutte le classi di abilitazione).
  • corsi di Area disciplinare con eventuali attività di Laboratorio (insegnamenti distinti per classi di abilitazione).
  • attività di Tirocinio diretto e indiretto.

Si conclude con una prova finale di abilitazione.

Come si accede al PF60? È previsto il numero programmato o l’accesso libero?
È previsto il numero programmato con selezione iniziale se, per singole classi di abilitazione, il numero delle domande di ammissione eccede il numero di posti messi a disposizione (DPCM del 4 agosto 2023, art. 6, c. 4).

Come si svolge l’eventuale selezione iniziale?
L’eventuale selezione iniziale si svolge secondo modalità indicate dal MUR (non ancora comunicate).

Quali sono i requisiti di accesso al PF60?
Si può accedere al percorso se in possesso di almeno una delle seguenti condizioni:

  1. essere in possesso del diploma di Laurea Vecchio Ordinamento (o titolo equipollente o equiparato) oppure di Laurea Magistrale (o titolo equipollente o equiparato) oppure del diploma dell’Alta Formazione artistica, musicale e coreutica di II livello (o titolo equipollente o equiparato).
  2. oppure essere regolarmente iscritti ad un Corso di Laurea Magistrale.
  3. oppure essere regolarmente iscritti ad un Corso Laurea Magistrale a Ciclo unico e, entro il termine di presentazione della domanda di iscrizione al percorso, aver maturato almeno 180 crediti.

I titoli di cui al punto 1 o quelli ottenibili con il conseguimento del diploma di Laurea dei punti 2 o 3 devono soddisfare i requisiti ministeriali richiesti in riferimento alla classe di concorso per la quale si intende conseguire l’abilitazione (ai sensi del DPR n. 259/2017 e allegati). La coerenza del titolo di accesso alla classe di concorso di interesse può essere verificata sul sito del Ministero dell’Istruzione e del Merito, consultando il D.P.R. 19/2016 e il D.M. 259/2017.

Per i punti 2 e 3 è obbligatorio aver acquisito il diploma di Laurea Magistrale/Magistrale a Ciclo unico entro la data prevista per la prova finale di abilitazione del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, art. 2-ter, c. 1).

È previsto l’obbligo di frequenza?
Il percorso è a frequenza obbligatoria (D.lgs. n. 59/2017, art. 2-bis, c. 1). Per accedere alla prova finale di abilitazione è obbligatoria una percentuale minima di presenza alle attività formative pari al 70% per ogni attività formativa (DPCM del 4 agosto 2023, art. 7, c. 7).

A quante ore corrisponde 1 credito del PF60?
Per le attività dell’Area comune, dell’Area disciplinare e del Tirocinio indiretto, per ogni credito l’impegno in presenza o, a seconda delle attività, in modalità telematica sincrona sarà di 6 ore.
Per ogni credito di Tirocinio diretto, l’impegno in presenza presso le scuole sarà di 12 ore.

Il PF60 si svolge in presenza o in modalità telematica?
Per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025, le attività formative possono svolgersi in presenza e, con una percentuale massima stabilita, in modalità telematica sincrona, ad esclusione delle attività di Laboratorio e Tirocinio che si devono svolgere esclusivamente in presenza (D.lgs. n. 59/2017, art. 18-bis, comma 6-bis).

Che cosa si intende per “modalità telematica sincrona”?
Si intende l’attività didattica svolta in un’aula virtuale con la contemporanea presenza online di docente e studenti.

Le attività del percorso si svolgono la mattina o il pomeriggio?
Le attività dell’Area comune, dell’Area disciplinare e del Tirocinio indiretto potranno svolgersi dal lunedì al venerdì in orario pomeridiano e il sabato in orario mattutino e pomeridiano. Le attività di Tirocinio diretto si svolgeranno nei giorni e secondo l’orario stabilito dalle strutture scolastiche ospitanti.

Quali corsi sono impartiti nell’Area comune?
Nell’Area comune sono impartiti i corsi relativi alle discipline pedagogiche, psico-socio-antropologiche, linguistiche, digitali, di legislazione scolastica. Sono corsi in comune a tutte le classi di abilitazione.

Quali corsi sono impartiti nell’Area disciplinare?
Nell’Area disciplinare sono impartiti i corsi relativi alle metodologie e alle didattiche disciplinari caratterizzanti le singole classi di abilitazione. Sono corsi distinti per singole classi di abilitazione.

Alla fine dei singoli corsi di Area comune e di Area disciplinare sono previste prove di valutazione?
Allo stato attuale della normativa vigente e salvo future diverse indicazioni, alla fine dei singoli corsi e prima della prova finale di abilitazione non sono previste prove di valutazione.

Che cosa si intende per attività di Tirocinio diretto e indiretto?
Le attività di Tirocinio si distinguono in:

  • Tirocinio diretto, da svolgersi presso le scuole convenzionate con l’Università di Pisa e sotto la supervisione del tutor dei tirocinanti.
  • Tirocinio indiretto, da svolgersi in Ateneo e sotto la supervisione del tutor coordinatore.

Per i dettagli si cfr. Allegato 1 del DPCM del 4 agosto 2023.

Dove si svolge il Tirocinio diretto?
Le attività di Tirocinio diretto si svolgono presso le scuole convenzionate con l’Università di Pisa.

In che cosa consiste la prova finale di abilitazione?
La prova finale di abilitazione comprende (D.lgs. n. 59/2017, art. 2, c. 2):

  1. Una prova scritta costituita da una sintetica analisi critica (episodi, casi, situazioni) relativa all’attività di Tirocinio svolta durante il percorso.
  2. Una prova orale corrispondente a una lezione simulata e costituita dalla progettazione di una attività didattica innovativa, con contenuti e metodologie coerenti con la specifica classe di abilitazione.

A quanto corrisponde il costo di iscrizione al PF60?
Il costo di iscrizione è di 2.000,00 euro (comprensivo del contributo per la domanda di partecipazione al percorso) e il costo di iscrizione alla prova finale di abilitazione è di 150,00 euro.

Per gli studenti iscritti ad un Corso di Laurea Magistrale o Magistrale a Ciclo unico il costo di iscrizione è di 1.600,00 euro (comprensivo del contributo per la domanda di partecipazione al percorso) e il costo di iscrizione alla prova finale di abilitazione è di 150,00 euro.

Per coloro che sono in possesso della certificazione dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017) il costo di iscrizione è di 1.600,00 euro (comprensivo del contributo per la domanda di partecipazione al percorso) e il costo di iscrizione alla prova finale di abilitazione è di 150,00 euro.

Sono iscritta/o a un Corso di Laurea Magistrale posso iscrivermi al PF60?
Coloro che sono regolarmente iscritti a un Corso di Laurea Magistrale possono iscriversi al PF60. È obbligatorio aver acquisito il diploma di Laurea magistrale entro la data prevista per la prova finale di abilitazione del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, art. 2-ter, c. 1).

Sono iscritta/o a un Corso di Laurea a Ciclo unico posso iscrivermi al PF60?
Coloro che sono regolarmente iscritti a un Corso di Laurea a Ciclo unico possono iscriversi al PF60 a condizione che abbiano maturato almeno 180 crediti entro il termine di presentazione della domanda di iscrizione al percorso. È obbligatorio aver acquisito il diploma di Laurea Magistrale a Ciclo unico entro la data prevista per la prova finale di abilitazione del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, art. 2-ter, c. 1).

Sono iscritta/o ad un Corso di Laurea Magistrale/Ciclo unico. I corsi/crediti erogati all’interno del PF60 sono validi anche per il Piano di studio del Corso di Laurea cui sono iscritta/o?
I corsi/crediti erogati all’interno del PF60 sono acquisiti in forma aggiuntiva rispetto alle attività formative curricolari previste dal Corso di Laurea cui si è iscritti e non sono validi come esami da inserire all’interno del piano di studio del Corso di Studi cui si è iscritti.

È possibile richiedere il riconoscimento di esami/crediti già sostenuti?
Coloro che risultano regolarmente iscritti al percorso possono chiedere il riconoscimento di attività universitarie e accademiche pregresse. La valutazione delle richieste di riconoscimento segue le indicazioni presenti nel DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B.

Se gli esami/crediti sono stati acquisiti presso altri atenei è obbligatorio allegare i programmi degli esami di cui si chiede il riconoscimento (pena il non accoglimento della richiesta di riconoscimento).

È possibile richiedere il riconoscimento di esami/crediti prima di iscriversi al percorso?
L’Ateneo non accoglie richieste di riconoscimento esami/crediti inviate prima della regolare iscrizione al percorso.

Quanti crediti possono essere riconosciuti all’interno del PF60?
Il numero massimo di crediti complessivamente riconoscibili è pari a 12 (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera B) e a condizione che siano strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato A).

Sono in possesso della certificazione dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017). I relativi crediti sono riconosciuti per intero all’interno del PF60?
Se in possesso della certificazione dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017) i relativi crediti sono riconosciuti per intero (DPCM del 4 agosto 2023, art. 8). Il piano di studio relativo ai restanti 36 crediti di completamento del percorso PF60 (comprensivo di almeno 10 crediti di Tirocinio diretto) sarà comunicato a seguito della regolare iscrizione al percorso e dell’istanza di riconoscimento crediti.

Quanti crediti di Tirocinio sono riconosciuti all’interno del PF60?
Il numero massimo di crediti complessivamente riconoscibili per le attività di Tirocinio è pari a 5 (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera C) e a condizione che siano strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato A).

FAQ PERCORSO DA 30 CFU (30 cfu-PF30/)

Percorso formativo e abilitante da 30 cfu erogato dall’Ateneo di Pisa per coloro che intendono ottenere l’abilitazione all’insegnamento sul posto comune nella scuola secondaria di I e II grado.
In base alla nota Mur n. 21328 del 6 novembre 2023, il percorso è riservato a:

  1. coloro che, ai sensi dell’art. 2 ter, comma 4-bis (primo periodo) del d.lgs. n. 59/2017, hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o presso le scuole paritarie per almeno 3 anni, anche non continuativi nei 5 anni precedenti, di cui almeno 1 nella specifica classe di concorso per la quale scelgono di conseguire l’abilitazione (gli anni di servizio sono valutati ai sensi dell’art.11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124);
  2. oppure a coloro che, ai sensi dell’art. 2 ter, comma 4-bis (secondo periodo) del d.lgs. n. 59/2017, hanno sostenuto la prova concorsuale relativa alla procedura straordinaria (art. 59, comma 9-bis, del D.L. 25 maggio 2021 n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106), e devono conseguire l’abilitazione attraverso l’acquisizione di 30 CFU, fermo restando il possesso del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso.

Che cosa è il percorso formativo e abilitante da 30 crediti (PF30)?
Il PF30 è un percorso di formazione iniziale che consente di ottenere l’abilitazione all’insegnamento sul posto comune nella scuola secondaria di I e II grado. Il percorso è organizzato per classi di abilitazione diverse.
Elenco delle classi di abilitazione per le quali l’Ateneo di Pisa ha chiesto l’accreditamento.

Come è strutturato il PF30?
Il percorso è articolato in:

  • corsi di Area comune (insegnamenti comuni a tutte le classi di abilitazione).
  • corsi di Area disciplinare con eventuali attività di Laboratorio (insegnamenti distinti per classi di abilitazione).
  • attività di Tirocinio indiretto.

Si conclude con una prova finale di abilitazione.

Come si accede al PF30? È previsto il numero programmato o l’accesso libero?
È previsto il numero programmato con selezione iniziale se, per singole classi di abilitazione, il numero delle domande di ammissione eccede il numero di posti messi a disposizione (DPCM del 4 agosto 2023, art. 6, c. 4).

Come si svolge l’eventuale selezione iniziale?
L’eventuale selezione iniziale si svolge secondo modalità indicate dal MUR (non ancora comunicate).

Quali sono i requisiti di accesso al PF30?
Sulla base della nota ministeriale 21328 del 6 novembre 2023, il percorso è riservato a:

  1. coloro che, ai sensi dell’art. 2 ter, comma 4-bis (primo periodo) del d.lgs. n. 59/2017, hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o presso le scuole paritarie per almeno 3 anni, anche non continuativi nei 5 anni precedenti, di cui almeno 1 nella specifica classe di concorso per la quale scelgono di conseguire l’abilitazione (gli anni di servizio sono valutati ai sensi dell’art.11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124);
  2. coloro che, ai sensi dell’art. 2 ter, comma 4-bis (secondo periodo) del d.lgs. n. 59/2017, hanno sostenuto la prova concorsuale relativa alla procedura straordinaria (art. 59, comma 9-bis, del D.L. 25 maggio 2021 n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106), e devono conseguire l’abilitazione attraverso l’acquisizione di 30 CFU, fermo restando il possesso del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso.

È previsto l’obbligo di frequenza?
Il percorso è a frequenza obbligatoria (D.lgs n. 59/2017, art. 2-bis, c. 1). Per accedere alla prova finale di abilitazione è obbligatoria una percentuale minima di presenza alle attività formative pari al 70% per ogni attività formativa (DPCM del 4 agosto 2023, art. 7, c. 7).

A quante ore corrisponde 1 credito del PF30?
Per le attività dell’Area comune, dell’Area disciplinare e del Tirocinio indiretto, per ogni credito l’impegno in presenza o, a seconda delle attività, in modalità telematica sincrona sarà di 6 ore.

Il PF30 si svolge in presenza o in modalità telematica?
Per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025, le attività formative possono svolgersi in presenza e, con una percentuale massima stabilita, in modalità telematica sincrona, ad esclusione delle attività di Laboratorio e Tirocinio che si devono svolgere esclusivamente in presenza (d.lgs. n. 59/2017, art. 18-bis, comma 6-bis).

Che cosa si intende per “modalità telematica sincrona”?
Si intende l’attività didattica svolta in un’aula virtuale con la contemporanea presenza online di docente e studenti.

Le attività del percorso si svolgono la mattina o il pomeriggio?
Le attività dell’Area comune, dell’Area disciplinare e del Tirocinio indiretto potranno svolgersi dal lunedì al venerdì in orario pomeridiano e il sabato in orario mattutino e pomeridiano.

Quali corsi sono impartiti nell’Area comune?
Nell’Area comune sono impartiti i corsi relativi alle discipline pedagogiche, psico-socio-antropologiche, linguistiche, digitali, di legislazione scolastica. Sono corsi in comune a tutte le classi di abilitazione.

Quali corsi sono impartiti nell’Area disciplinare?
Nell’Area disciplinare sono impartiti i corsi relativi alle metodologie e alle didattiche disciplinari caratterizzanti le singole classi di abilitazione. Sono corsi distinti per singole classi di abilitazione.

Alla fine dei singoli corsi di Area comune e di Area disciplinare sono previste prove di valutazione?
Allo stato attuale della normativa vigente e salvo future diverse indicazioni, alla fine dei singoli corsi e prima della prova finale di abilitazione non sono previste prove di valutazione.

Che cosa si intende per attività di Tirocinio indiretto?
Il Tirocinio indiretto è l’attività da svolgersi in Ateneo sotto la supervisione del tutor coordinatore (per i dettagli si cfr. Allegato 2 del DPCM del 4 agosto 2023).

In che cosa consiste la prova finale di abilitazione?
La prova finale di abilitazione del PF30 comprende (ai sensi dell’art. 9, c. 3 e 4 del DPCM del 4 agosto 2023):

  1. Una prova scritta costituita da un intervento di progettazione didattica innovativa inerente alla disciplina o alle discipline della classe di concorso per la quale è conseguita l’abilitazione.
  2. Una prova orale corrispondente a una lezione simulata e costituita dalla progettazione di una attività didattica innovativa, con contenuti e metodologie coerenti con la specifica classe di abilitazione.

A quanto corrisponde il costo di iscrizione al PF30?
Il costo di iscrizione al percorso è di 1.600,00 euro (comprensivo del contributo per la domanda di partecipazione al percorso) e il costo di iscrizione alla prova finale di abilitazione è di 150,00 euro.

Sono iscritta/o ad un Corso di Laurea Triennale/Magistrale/Ciclo unico. I corsi/crediti erogati all’interno del PF30 sono validi anche per il Piano di studio del Corso di Laurea cui sono iscritta/o?
I corsi/crediti erogati all’interno del PF30 sono acquisiti in forma aggiuntiva rispetto alle attività formative curricolari previste dal Corso di Laurea cui si è iscritti e non sono validi come esami da inserire all’interno del piano di studio del Corso di Studi cui si è iscritti.

È possibile richiedere il riconoscimento di esami/crediti già sostenuti?
Coloro che risultano regolarmente iscritti al percorso possono chiedere il riconoscimento di attività universitarie e accademiche pregresse. La valutazione delle richieste di riconoscimento segue le indicazioni presenti nel DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera F).
Se gli esami/crediti sono stati acquisiti presso altri atenei è obbligatorio allegare i programmi degli esami di cui si chiede il riconoscimento (pena il non accoglimento della richiesta di riconoscimento).

È possibile richiedere il riconoscimento di esami/crediti prima di iscriversi al percorso?
L’Ateneo non accoglie richieste di riconoscimento esami/crediti inviate prima della regolare iscrizione al percorso.

Quanti crediti possono essere riconosciuti all’interno del PF30?
Il numero massimo di crediti complessivamente riconoscibili è pari a 6 (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera F) e a condizione che siano strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato A).

Sono in possesso della certificazione dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017). I relativi crediti sono riconosciuti all’interno del PF30?
La normativa vigente non prevede il riconoscimento dei 24 crediti (sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e con certificazione rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017) all’interno del percorso PF30.

Quanti crediti di Tirocinio sono riconosciuti all’interno del PF30?
Il numero massimo di crediti complessivamente riconoscibili per le attività di Tirocinio è pari a 3 (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera F) e a condizione che siano strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato A).

FAQ PERCORSO DA 30 CFU (30 cfu-PF30/1)

Percorso formativo da 30 crediti (primi 30 crediti dei complessivi 60) erogato dall’Ateneo di Pisa, in regime transitorio fino al 31 dicembre 2024, per coloro che intendono partecipare al concorso di immissione in ruolo nella scuola secondaria di I e II grado sul posto comune (ai sensi dell’art. 18-bis, c. 1, primo periodo del D.lgs. n. 59/2017).

Che cosa è il percorso da 30 crediti (PF30/1)?
Nella fase transitoria fino al 31 dicembre 2024, il percorso PF30/1 è un percorso formativo da 30 crediti (primi 30 crediti dei complessivi 60) rivolto a coloro che intendono partecipare al concorso di immissione in ruolo nella scuola secondaria sul posto comune (ai sensi dell’art. 18-bis, c. 1, primo periodo del D.lgs. n. 59/2017). Il percorso è organizzato per classi di abilitazioni diverse.
Elenco delle classi di abilitazione per le quali l’Ateneo di Pisa ha chiesto l’accreditamento.

Se coloro che sono in possesso della certificazione del PF30/1 risulteranno vincitori del concorso di immissione in ruolo nella scuola dovranno completare il proprio percorso formativo e ottenere l’abilitazione con il percorso di completamento PF30/2 (secondi 30 crediti dei complessivi 60, DPCM del 4 agosto 2023, Allegato 4), cui accedono di diritto (ai sensi dell’art. 18-bis, c. 3, del D.lgs. n. 59/2017).

Come è strutturato il PF30/1?
Il percorso è articolato in:

  • corsi di Area comune (insegnamenti comuni a tutte le classi di abilitazione).
  • corsi di Area disciplinare con eventuali attività di Laboratorio (insegnamenti distinti per classi di abilitazione).
  • attività di Tirocinio diretto.

Allo stato attuale della normativa e salvo future diverse indicazioni, alla fine del percorso non è prevista una prova finale, ma il rilascio di una certificazione attestante l’avvenuta partecipazione al percorso PF30/1.

Come si accede al PF30/1? È previsto il numero programmato o l’accesso libero?
È previsto il numero programmato con selezione inziale se, per singole classi di abilitazione, il numero delle domande di ammissione eccede il numero di posti messi a disposizione (DPCM del 4 agosto 2023, art.6, c. 4).

Come si svolge l’eventuale selezione iniziale?
L’eventuale selezione iniziale si svolge secondo modalità indicate dal MUR (non ancora comunicate).

Quali sono i requisiti di accesso al PF30/1?
Possono accedere al percorso coloro che sono in possesso del diploma di Laurea Vecchio Ordinamento (o titolo equipollente o equiparato) oppure di Laurea Magistrale (o titolo equipollente o equiparato) oppure del diploma dell’Alta Formazione artistica, musicale e coreutica di II livello (o titolo equipollente o equiparato).
Il titolo deve soddisfare i requisiti ministeriali richiesti in riferimento alla classe di concorso per la quale si intende conseguire l’abilitazione (ai sensi del DPR n. 259/2017 e allegati). La coerenza del titolo di accesso alla classe di concorso di interesse può essere verificata sul sito del Ministero dell’Istruzione e del Merito, consultando il D.P.R. 19/2016 e il D.M. 259/2017.

È previsto l’obbligo di frequenza?
Il percorso è a frequenza obbligatoria (D.lgs n. 59/2017, art. 2-bis, c. 1).
Per accedere alla prova finale di abilitazione – che si svolgerà a conclusione del percorso di completamento PF30/2 (secondi 30 crediti dei complessivi 60, DPCM del 4 agosto 2023, Allegato 4), percorso di completamento da attivare nell’a.a. 2024-25 in base alla nota Mur del 6 novembre 2023 – è necessaria una percentuale minima di presenza alle attività formative pari al 70% per ogni attività formativa del PF30/1 e del PF30/2 (DPCM del 4 agosto 2023, art. 7, c. 7).

A quante ore corrisponde 1 credito del PF30/1?
Per le attività dell’Area comune e dell’Area disciplinare, per ogni credito l’impegno in presenza o, a seconda delle attività, in modalità telematica sincrona sarà di 6 ore.
Per ogni credito di Tirocinio diretto, l’impegno in presenza presso le scuole sarà di 12 ore.

Il PF30/1 si svolge in presenza o in modalità telematica?
Per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025, le attività formative possono svolgersi in presenza e, con una percentuale massima stabilita, in modalità telematica sincrona, ad esclusione delle attività di Laboratorio e Tirocinio che si devono svolgere esclusivamente in presenza (d.lgs. n. 59/2017, art. 18-bis, comma 6-bis).

Che cosa si intende per “modalità telematica sincrona”?
Si intende l’attività didattica svolta in un’aula con la contemporanea presenza online di docente e studenti.

Le attività del percorso si svolgono la mattina o il pomeriggio?
Le attività dell’Area comune e dell’Area disciplinare potranno svolgersi dal lunedì al venerdì in orario pomeridiano e il sabato in orario mattutino e pomeridiano. Le attività di Tirocinio diretto si svolgeranno nei giorni e secondo l’orario stabilito dalle strutture scolastiche ospitanti.

Quali corsi sono impartiti nell’Area comune?
Nell’Area comune sono impartiti i corsi relativi alle discipline pedagogiche, psico-socio-antropologiche, linguistiche, digitali, di legislazione scolastica. Sono corsi in comune a tutte le classi di abilitazione.

Quali corsi sono impartiti nell’Area disciplinare?
Nell’Area disciplinare sono impartiti i corsi relativi alle metodologie e alle didattiche disciplinari caratterizzanti le singole classi di abilitazione. Sono corsi distinti per singole classi di abilitazione.

Alla fine dei singoli corsi di Area comune e di Area disciplinare sono previste prove di valutazione?
Allo stato attuale della normativa vigente e salvo future diverse indicazioni, alla fine dei singoli corsi e prima della prova finale di abilitazione non sono previste prove di valutazione. Sarà rilasciata una certificazione finale attestante l’avvenuta partecipazione all’intero percorso PF30/1.

Che cosa si intende per attività di Tirocinio diretto?
Il Tirocinio diretto è l’attività da svolgersi presso le scuole convenzionate con l’Università di Pisa sotto la supervisione del tutor dei tirocinanti (per i dettagli si cfr. Allegato 3 del DPCM del 4 agosto 2023).

È prevista una prova finale del PF30/1?
Allo stato attuale della normativa vigente e salvo future diverse indicazioni, non è prevista una prova finale di percorso. Sarà rilasciata una certificazione finale attestante l’avvenuta partecipazione all’intero percorso PF30/1.

A quanto corrisponde il costo di iscrizione al PF30/1?
Il costo di iscrizione è di 2.000,00 euro (comprensivo del contributo per la domanda di partecipazione al percorso).
Nota bene: Se coloro in possesso della certificazione del PF30/1 risulteranno vincitori del concorso di immissione in ruolo nella scuola dovranno completare il proprio percorso formativo con il percorso di completamento PF30/2 (secondi 30 crediti dei complessivi 60, DPCM del 4 agosto 2023, Allegato 4), cui accedono di diritto (ai sensi dell’art. 18-bis, c. 3, del D.lgs. n. 59/2017), percorso di completamento che, in base alla nota Mur del 6 novembre 2023, sarà attivato nell’a.a. 2024-25.
Il costo di iscrizione alla prova finale di abilitazione a conclusione dal percorso PF30/2 è di 150,00 euro.

È possibile richiedere il riconoscimento di esami/crediti già sostenuti?
Coloro che risultano regolarmente iscritti al percorso possono chiedere il riconoscimento di attività universitarie e accademiche pregresse. La valutazione delle richieste di riconoscimento segue le indicazioni presenti nel DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera F.
Se gli esami/crediti sono stati acquisiti presso altri atenei è obbligatorio allegare i programmi degli esami di cui si chiede il riconoscimento (pena il non accoglimento della richiesta di riconoscimento).

È possibile richiedere il riconoscimento di esami/crediti prima di iscriversi al percorso?
L’Ateneo non accoglie richieste di riconoscimento esami/crediti inviate prima della regolare iscrizione al percorso.

Quanti crediti di attività formative universitarie e accademiche pregresse possono essere riconosciuti all’interno del PF30/1?
Il numero massimo di crediti complessivamente riconoscibili è pari a 6 (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera F) e a condizione che siano strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato A).

Sono in possesso della certificazione dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017). I relativi crediti sono riconosciuti all’interno del PF30/1?
La normativa vigente non prevede il riconoscimento dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017) all’interno del percorso PF30/1.

Coloro che sono in possesso della certificazione dei 24 crediti (con crediti sostenuti entro il 31 ottobre 2022 e rilasciata ai sensi dell’art. 5 del DM 616/2017) dovranno iscriversi al percorso da 60 crediti-PF60 e chiedere il riconoscimento dei 24 crediti. Il piano di studio relativo ai restanti 36 crediti di completamento del percorso PF60 (comprensivo di almeno 10 crediti di Tirocinio diretto) sarà comunicato a seguito della regolare iscrizione al percorso e dell’istanza di riconoscimento crediti.

Quanti crediti di Tirocinio sono riconosciuti all’interno del PF30/1?
Il numero massimo di crediti riconoscibili per le attività di Tirocinio è pari a 3 (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato B, lettera F) e a condizione che siano strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso (DPCM del 4 agosto 2023, Allegato A).

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI