fbpx
giovedì, Febbraio 9, 2023
HomePensioniPensionamenti dal 1° settembre 2020: già accolte circa 30.000 domande per docenti...

Pensionamenti dal 1° settembre 2020: già accolte circa 30.000 domande per docenti e 9.000 per ATA

Sono già 40.000 le domande di pensionamento già accolte dall’INPS così distribuite:

  • 30.000 docenti
  • 9.000 personale ATA
  • 500 docenti di religione cattolica
  • 350 dirigenti scolastici
  • 100 personale educativo.

Altre 3.000 domande presentate hanno invece ricevuto esito negativo per mancanza dei requisiti e altre 1.134 devono ancora essere lavorate. è questo il resoconto dell’incontro che si è tenuto il 15 giugno tra le organizzazioni sindacali con l’amministrazione ed INPS per fare il punto sullo stato di lavorazione delle domande di pensionamento previste per il prossimo anno scolastico.
Allo stato attuale sono le domande lavorate corrispondono al 97,52% del totale.

POSTI VACANTI E DISPONIBILI
I suddetti posti che si renderanno vacanti e disponibili a causa dei pensionamenti saranno utilizzati sia per la mobilità che per le immissione in ruolo. Come di consueto, alle operazioni di mobilità viene attribuito il 50% dei posti vacanti e disponibili mentre la restante quota viene utilizzata per le immissioni in ruolo.
Va però ricordato che la mobilità non incide sulla consistenza complessiva delle disponibilità ma piuttosto sulla distribuzione territoriale dei posti disponibili (il docente che chiede e ottiene il trasferimento da una Regione all’altra, occupa un posto ma ne libera un altro).

COPERTURA DEI POSTI VACANTI E DISPONIBILI
Per la copertura dei posti vacanti e disponibili che residueranno dopo le operazioni di mobilità si attingerà alle graduatorie in essere. In primo luogo dalle GAE (in quelle Regioni e classi di concorso in cui non sono ancora esaurite) da cui si attinge per il 50% dei posti. Per l’altra metà si attingerà con priorità dalle GM 2016 laddove ancora non esaurite (la validità delle graduatorie di merito del concorso 2016, è nel frattempo stata proroga di un ulteriore anno ed è quindi adesso quinquennale).
In subordine alle GM 2016 si potrà attingere dalle graduatorie dei concorsi straordinari 2018 (sia per la secondaria sia per infanzia e primaria). 
Infine, concluse le consuete operazioni di assunzione a tempo indeterminato si darà luogo alla c.d. Chiamata veloce volta alla copertura, in ciascuna regione, dei posti che  rimangono vacanti e disponibili in ciascun anno scolastico. 
Gli interessati possono presentare domanda, per ciascuna graduatoria di provenienza (dunque, GAE o graduatorie di merito), per i posti di una o più Province di una medesima Regione, al fine dell’immissione in ruolo in territori diversi da quelli di pertinenza delle stesse graduatorie.

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI