fbpx
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeArticoliValorizzazione della professionalità docente: incentivi per favorire la continuità didattica

Valorizzazione della professionalità docente: incentivi per favorire la continuità didattica [Decreto Legge 36/2022]

La Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018) ha previsto che al fine di valorizzare la professionalità dei docenti delle istituzioni scolastiche statali, è istituita un’apposita sezione nell’ambito del fondo per il miglioramento dell’offerta formativa (MOF), con uno stanziamento di 10 milioni di euro per l’anno 2018, di 20 milioni di euro per l’anno 2019, di 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021 e di 300 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022.

Per l’utilizzo di tali risorse risorse la contrattazione fra il Ministero dell’istruzione e le organizzazioni sindacali, anche mediante eventuali integrazioni al contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) di riferimento, è svolta nel rispetto dei seguenti criteri ed indirizzi:

  1. valorizzazione dell’impegno in attività di formazione, ricerca e sperimentazione didattica;
  2. valorizzazione del contributo alla diffusione nelle istituzioni scolastiche di modelli per una didattica per lo sviluppo delle competenze.

Il Decreto Legge 30 aprile 2022 (art. 45) interviene sul punto prevedendo come ulteriore criterio la valorizzazione del personale docente che garantisca l’interesse dei propri alunni e studenti alla continuità didattica.

Si prevede altresì che, in sede di prima applicazione e nelle more dell’aggiornamento contrattuale, una quota pari al 10% dello stanziamento annuale del fondo è riservato alla valorizzazione del personale docente che garantisca l’interesse dei propri alunni e studenti alla continuità didattica, e con decreto del Ministro dell’istruzione, da adottare entro il 30 giugno 2022, sono stabiliti i criteri per l’attribuzione delle suddette risorse, che tengono conto almeno degli anni di permanenza del docente nella stessa istituzione scolastica e della residenza o domicilio abituale in luogo diverso da quello in cui ha sede l’istituzione scolastica.

VEDI IL DECRETO LEGGE

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI