fbpx
giovedì, Febbraio 29, 2024
Homenormativa scolasticaSardegna: piano di ridimensionamento della rete scolastica. Le delibere della Regione e...

Sardegna: piano di ridimensionamento della rete scolastica. Le delibere della Regione e il Decreto dell’USR

Con la deliberazione della Giunta regionale n. 46/25 del 22 dicembre 2023 è stato approvato in via preliminare il Piano di “Programmazione rete scolastica e dell’offerta formativa della regione Sardegna per l’anno scolastico 2024/2025”.

IL DECRETO MILLEPROROGHE
Il decreto legge n. 215/2023 (Decreto Milleproroghe) ha previsto, per il solo anno scolastico 2024/2025, un incremento del numero delle Istituzioni scolastiche attivabili nel territorio regionale,  fermi restando il contingente organico dei dirigenti scolastici e dei direttori dei servizi generali e amministrativi.

In particolare, per il solo anno scolastico 2024 /2025, le regioni possono attivare un ulteriore numero di autonomie scolastiche in misura non superiore al 2,5 per cento del contingente dei corrispondenti posti di dirigente scolastico e di direttore dei servizi generali e amministrativi definito, per ciascuna Regione, per il medesimo anno scolastico 2024 /2025, dal citato decreto n. 127 del 2023, alle quali attribuire solo reggenze e senza un corrispondente incremento delle facoltà assunzionali.

La deroga normativa introdotta dispone pertanto un  incremento “transitorio” del numero delle Autonomie scolastiche attivabili per l’anno 2024/2025, rispetto alla dotazione organica definita dal decreto interministeriale n. 127/2023, riconoscendo alla Regione Sardegna per la prossima programmazione un numero di ulteriori sei sedi aggiuntive alle quali saranno attribuite le reggenze.

Con la nuova delibera del 5 gennaio 2024, considerato il maggiore numero di soppressioni di Istituzioni scolastiche effettuate nella Provincia del Sud Sardegna, la Giunta ha deliberato il mantenimento di due Autonomie scolastiche per la Provincia del Sud Sardegna e il mantenimento di una Autonomia per le restanti Provincie e per la Città Metropolitana.

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI