OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE DI INFORMAZIONE SCOLASTICA

Il Senato della Repubblica ha approvato ieri il testo della Legge di bilancio 2020, che contiene anche misure che incidono direttamente o indirettamente sulla scuola. Vediamo quali sono i principali interventi.
Legge bilancioPOTENZIAMENTO SCUOLA DELL'INFANZIA
Il comma 279 dell'art. 1 prevede che la dotazione organica complessiva dell'organico di potenziamento istituito con la Legge 107/2015, è incrementata di 390 posti, con riferimento alla scuola del­ l’infanzia, da destinare al potenziamento del­ l’offerta formativa nel relativo grado di istruzione. Con decreti del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, sentita la Conferenza unificata, è determinato l'organico dell'autonomia su base regionale.
Viene quindi istituito anche per la scuola dell'infanzia l'organico di potenziamento, considerando che questa era rimasta invece esclusa precedentemente benché il contingente previsto appare alquanto limitato (390 posti in tutta Italia).

AFAM E STUDENTI CON DISABILITÀ
Al fine di consentire anche alle isti­tuzioni dell’Alta formazione artistica, musi­ cale e coreutica (AFAM) di dare concreta attuazione ai servizi e alle iniziative in fa­ vore degli studenti con disabilità e con certificazione di disturbo specifico dell’appren­dimento, il fondo per il funzionamento am­ministrativo e per le attività didattiche delle istituzioni AFAM, a decorrere dall’anno 2020, è incrementato di 1.500.000 euro, ri­partiti tra le istituzioni AFAM statali in rapporto al numero complessivo degli studenti presso di esse iscritti.

CONTRIBUTI PER L'ACQUISTO DI ABBONAMENTI A PERIODICI E RIVISTE SCIENTIFICHE
A decorrere dall’anno 2020, alle isti­tuzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado, che acquistano uno o più abbonamenti a periodici e riviste scientifiche e di settore, anche in formato digitale, è attri­ buito, previa istanza diretta al Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presi­ denza del Consiglio dei ministri, un contri­ buto fino al 90 per cento della spesa.
Inoltre, sempre a decorrere dall’anno 2020, alle isti­tuzioni scolastiche statali e paritarie che adottano programmi per la promozione della lettura critica e l’educazione ai contenuti in­ formativi, nell’ambito dei Piani per l’offerta formativa rivolti ai frequentanti la scuola se­ condaria di primo grado, è attribuito, previa istanza diretta al Dipartimento per l’informa­zione e l’editoria della Presidenza del Con­ siglio dei ministri, un contributo fino al 90 per cento della spesa per l’acquisto di uno o più abbonamenti a quotidiani, periodici e ri­ viste scientifiche e di settore, anche in for­ mato digitale.

BONUS MERITO
La Legge 107/2015 aveva introdotto il Bonus per la valorizzazione del merito, attribuito annualmente dal Dirigente Scolastico sulla base dei criteri individuati dal Comitato per la valutazione dei docenti, sulla base di motivata valutazione.

Il comma 249 della legge di bilancio prevede che le risorse iscritte nel fondo in questione, già confluite nel fondo per il miglioramento dell’offerta formativa (MOF), sono utilizzate dalla contrattazione integrativa in favore del personale scolastico, senza ulteriore vincolo di destinazione.
Quindi scompare, a partire dall'anno scolastico 2020\2021 il bonus merito e tali somme saranno destinate al personale scolastico secondo modalità che saranno stabilite in sede di contrattazione integrativa d'istituto.

INCREMENTO DELL'ORGANICO DELL'AUTONOMIA
Il comma 266 prevede che il fondo per l'incremento dell'organico dell'autonomia (istituito dall’articolo 1, comma 366, della legge 11 dicembre 2016, n. 232), è rifinanziato in misura pari a 12,06 milioni di euro nell’anno 2020, a 54,28 milioni di euro nell’anno 2021 e a 49,75 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022. L’incremento della dotazione dell’organico dell’autonomia effet­tuato a valere sulle risorse di cui al primo periodo riguarda i posti di sostegno, con corrispondente riduzione del contingente previsto in organico di fatto. Nella distribuzione territoriale dei posti si tiene conto della necessità di ot­temperare ai provvedimenti giudiziali di condanna definitivi notificati al 31 agosto 2019.
In virtù di tale intervento, si stimano circa 1.000 mila posti di sostegno in più in organico di diritto con la conseguente riduzione dei posti in organico di fatto, che tuttavia rimane ancora molto consistente (si stimano oltre 50.000 posti di sostegno in deroga).




Pin It

MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

CLIL

24 CFU Mnemosine

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1

calcola supplenze