Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

GRADUATORIE D'ISTITUTO, MAD, CONCORSI, GAE, MOBILITÀ,  PERMESSI, ATA, SUPPLENZE.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE D'INFORMAZIONE SCOLASTICA



Il testo vigente dell'art. 5 d.lgs 59/2017, che disciplina il concorso ordinario, prevede che

Costituisce titolo di accesso al concorso relativamente ai posti di di sostegno, il possesso dei requisiti di cui al comma 1 o al comma 2 del presente articolo, unitamente al superamento dei percorsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità di cui al regolamento adottato in attuazione dell'articolo 2, comma 416, della legge 24 dicembre 2007, n. 244".

Dunque per l'accesso alle procedure per posto di sostegno, il decreto 59/2017 prescrive il possesso del titolo di specializzazione su sostegno in aggiunta ai requisiti previsti per l'accesso alle procedure per posto comune e per posti relativi alle classi di concorso di insegnante tecnico-pratico per la scuola secondaria.

REQUISITI PER LE CLASSI DI CONCORSO SCUOLA SECONDARIA I E II GRADO (POSTO COMUNE)
Per la procedura per posto comune, il comma 1 prevede che c
ostituisce titolo di accesso al concorso il possesso dell'abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure il possesso congiunto di:

  • laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso;
  • 24 crediti formativi universitari o accademici, di seguito denominati CFU/CFA, acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell'inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche.


REQUISITI PER LE CLASSI DI CONCORSO DI INSEGNANTE TECNICO-PRATICO (ITP)
Per la procedura per posto di insegnante tecnico pratico, il comma 2 dell'art 5, prevede che costituisce titolo di accesso al concorso, il possesso dell'abilitazione specifica sulla classe di concorso oppure il possesso congiunto di:

  • Laurea, oppure diploma dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica di primo livello, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso.
  • 24 crediti formativi universitari o accademici, di seguito denominati CFU/CFA, acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell'inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche.

Tuttavia, come dispone l'art. 22 comma 2 dello stesso decreto, per gli insegnanti tecnico pratici questi requisiti sono richiesti per la partecipazione ai concorsi banditi successivamente all'anno scolastico 2024/2025. Sino ad allora, per i posti di insegnante tecnico pratico, rimangono fermi i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di classi di concorso. In sostanza è sufficiente il possesso del solo titolo di accesso (diploma di insegnante tecnico pratico).

ESONERO PER I DOCENTI ABILITATI ANCHE IN ALTRO RUOLO
Secondo quanto dispone l'art. 5 comma 5 del D.lgs 59/2017 i soggetti in possesso di abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione sono esentati dal conseguimento dei CFU/CFA di cui ai commi 1 e 2 quale titolo di accesso, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente.

DOCENTI SPECIALIZZATI SENZA I 24 CFU
Da quanto detto nei precedenti paragrafi per la partecipazione alla procedura per posto di sostegno è necessario il possesso del relativo titolo di specializzazione su sostegno in aggiunta ai requisiti prescritti per l'accesso alle procedure per posto comune o per posto di sostegno.
I docente dovrà quindi possedere alternativamente:

  1. Titolo di specializzazione + laurea che dia accesso ad almeno una classe di concorso + 24 CFU
  2. Titolo di specializzazione + diploma ITP che consenta l'accesso ad almeno una classe di concorso ITP
  3. Titolo di specializzazione + abilitazione in una specifica classe di concorso della scuola secondaria
  4. Titolo di specializzazione + abilitazione anche in altro ordine di scuola

L'art. 1 comma 15 del Decreto Legge pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 novembre 2019, ha soppresso il secondo e terzo periodo dell’articolo 17, comma 2, lettera d) , del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59 che prevedeva l'esonero dal possesso dei 24 CFU per i docenti con tre annualità di servizio.
Ebbene, tale modifica, oltre a incidere sulla partecipazione dei docenti con 3 annualità di servizio alla procedura per posto comune, rischia di avere effetti anche per la procedura per posti di sostegno. Infatti, se il testo dell'art. 5 d.lgs 59/2017 non verrà opportunamente modificato, anche i docenti specializzati con 3 anni di servizio dovranno possedere i 24 CFU per partecipare al concorso per posti di sostegno. 
Non sappiamo se si tratti di una scelta voluta o di un errore che verrà corretto in sede di conversione del decreto legge. Bisogna considera inoltre che i docenti con 3 anni di servizio hanno avuto la possibilità di partecipare al corso di specializzazione su sostegno con il requisito delle tre annualità di servizio mentre adesso per la partecipazione al concorso sembra essere richiesto loro il possesso dei 24 CFU, crediti che in molti casi stanno già conseguendo nell'ambito del proprio percorso di studio ma per i quali non sono ancora in possesso di adeguata certificazione (i 24 CFU, infatti, non sono autocertificabili). Peraltro, stante l'attuale iscrizione al corso di sostegno, sarebbe anche difficile, se non impossibile, conseguirli in forma extracurriculare.
A nostro avviso sarebbe dunque opportuno intervenire in sede di conversione in Legge del Decreto scuola stabilendo o chiarendo che l'unico requisito di accesso alla procedura per posti di sostegno è il possesso del titolo di specializzazione su sostegno.

REQUISITI DI ACCESSO PER IL CONCORSO STRAORDINARIO
La partecipazione alla procedura straordinaria, per posti di sostegno, è riservata ai soggetti, anche di ruolo, che, congiuntamente siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • Tra l'anno scolastico 2011/2012 e l'anno scolastico 2018/2019, abbiano svolto, su posto comune o di sostegno, almeno 3 annualità di servizio, anche non consecutive, valutabili come anno scolastico (180 giorni anche non continuativi o servizio ininterrotto dal 1° febbraio fino agli scrutini);
  • Abbiano svolto almeno un anno di servizio, sempre tra l'anno scolastico 2011/2012 e l'anno scolastico 2018/2019, sulla specifica tipologia di posto per la quale si concorre cioè su posto di sostegno;
  • Siano in possesso del titolo di specializzazione su sostegno.

Infografica sostegno

Pin It


MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

SCONTO 20% LIBRI EDISES

Sconti Libri Edises 20%

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1