Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

GRADUATORIE D'ISTITUTO, MAD, CONCORSI, GAE, MOBILITÀ,  PERMESSI, ATA, SUPPLENZE.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE D'INFORMAZIONE SCOLASTICA



Si è svolto a Palazzo Chigi il Consiglio dei Ministri n. 68 avente ad oggetto, tra l'altro, il decreto legge relativo alle Misure di straordinaria necessità ed urgenza nei settori dell’istruzione, dell’università, della ricerca e dell’alta formazione artistica musicale e coreutica (c.d. Decreto Precari).
DECRETO PRECARI
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca Marco Bussetti e del Ministro dell’economia e delle finanze Giovanni Tria, ha approvato, salvo intese, un decreto-legge che introduce misure di straordinaria necessità ed urgenza nei settori dell’istruzione, dell’università, della ricerca e dell’alta formazione artistica musicale e coreutica.
Il testo introduce, tra l’altro, misure in merito al precariato, al trasporto scolastico e alla salvaguardia del corpo ispettivo del sistema suola. Tra queste in particolare il PAS (percorso abilitante speciale) e il concorso straordinario.

La formula "salvo intese" vuol dire che il governo si riserva di modificare il disegno di legge prima pubblicarlo in Gazzetta Ufficiale e di sottoporlo al Parlamento, che poi naturalmente potrà a sua volta emendarlo e dove dovrà essere convertito in legge entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, prevista per il 28 agosto.
Dunque il decreto legge, prima di essere pubblicato in Gazzetta potrà essere oggetto di modifiche e migliorie che intervengano su più criticità. Nonostante l'approvazione governativa sembrerebbe che la formula "salvo intese" lasci trapelare divergenze all'interno della compagine governativa. Gli esponenti del M5S chiedono percorsi abilitanti selettivi e concorso con procedure adeguate e non con selezione semplificata in linea con l'intesa sottoscritta tra MIUR e sindacati il 24 aprile.

Sul punto è intervenuta la Senatrice Granato (M5S) della Commissione Istruzione secondo la quale "
se sui provvedimenti ci fosse stato l’accordo, sarebbero stati approvati e mandati in Gazzetta Ufficiale. Se le intese non ci saranno, i decreti non saranno mai approvati. Ricordo inoltre che qualsiasi provvedimento legislativo deve subire il passaggio dal parlamento e il parlamento è sovrano".

Più fiducioso il Sen. Pittoni (Lega) secondo cui la formula "salvo intese" attraverso la quale il decreto non sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale prima del 28 agosto, consentirà di avere maggiore tempo a disposizione per apportare migliorie che intervengano su più criticità.


Decreto Precari
Comunicato M5S: si rispettino alla lettera le linee dell’intesa del 24 aprile che parlano di PERCORSI ABILITANTI SELETTIVI e CONCORSO CON PROCEDURE ADEGUATE

Pin It


MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

SCONTO 20% LIBRI EDISES

Sconti Libri Edises 20%

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1