Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

GRADUATORIE D'ISTITUTO, MAD, CONCORSI, GAE, MOBILITÀ,  PERMESSI, ATA, SUPPLENZE.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE D'INFORMAZIONE SCOLASTICA



Il 2019 dovrebbe essere finalmente l'anno del tanto atteso concorso. Tantissimi candidati hanno già cominciato a studiare o intendono iniziare al più presto perché attendere l'uscita del bando rischia di rivelarsi una scelta tardiva. È bene precisare che il programma previsto per la procedura concorsuale sarà noto solamente nel momento dell'uscita del bando o dei decreti che lo precedono.
Cosa studiare quindi? In questo articolo cercheremo di fornire delle indicazioni di carattere generale.
studiare2Com'è noto, il D.lgs 59/2017 prevede una procedura concorsuale articolata in due prove scritte più la prova orale. È probabile inoltre che sarà presente anche una prova preselettiva (per un approfondimento sulla prova preselettiva clicca qui).

LA PRIMA PROVA SCRITTA
La prima prova scritta verterà sulle discipline afferenti alla classe di concorso. Per lo studio della disciplina un utile punto di riferimento può essere costituito dai programmi dei concorsi 2012 e 2016 che di seguito riportiamo. Ricordiamo però che quest'ultimo concorso era riservato esclusivamente ai candidati abilitati per cui la struttura delle prove presentava più un'impronta didattico-metodologica. Ciò nonostante, al netto di tale impostazione, il "contenuto" degli argomenti può comunque costituire un utile riferimento.

Programma Concorso 2012
Programma Concorso 2016

LA SECONDA PROVA SCRITTA

La seconda prova scritta verterà sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e sulle metodologie e tecnologie didattiche, in pratica sui famosi 24 CFU e sui relativi syllabus indicati nel DM 616/2017. Evidentemente si tratta di un programma molto ampio che si auspica venga meglio circoscritto in sede di emanazione dei programmi concorsuali. 


LA PROVA ORALE
La prova orale consisterà in un colloquio che ha l’obiettivo di valutare il grado delle conoscenze e competenze del candidato nelle discipline facenti parte della classe di concorso, di verificare la conoscenza di una lingua straniera europea almeno al livello B2 del quadro comune europeo, nonché il possesso di adeguate competenze didattiche nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. La prova orale comprende anche quella pratica, ove gli insegnamenti lo richiedano, ed è superata dai candidati che conseguano il punteggio minimo di sette decimi o equivalente.
Anche in questo caso può essere utile fare riferimento ai programmi dei precedenti concorsi.

LE AVVERTENZE GENERALI
Resta da capire se le c.d. "avvertenze generali" costituiranno parte integrante del programma da studiare. Si tratta di conoscenze trasversali considerate prerequisito per tutti coloro che desiderano insegnare nella scuola e dunque comuni a tutte le classi di concorso per l’insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado.
Nei concorsi precedenti era espressamente previsto che esse costituivano parte integrante del programma d'esame di ciascuna classe di concorso. Il D.lgs 59/2017 non chiarisce se saranno richieste anche nel concorso in esame.
Le Avvertenze Generali riguardano il possesso delle seguenti conoscenze:

  1. Sicuro dominio dei contenuti delle discipline di insegnamento.
  2. Conoscenza critica delle discipline di insegnamento e dei loro fondamenti epistemologici per poter individuare gli itinerari più idonei per una efficace mediazione didattica, impostare e seguire una coerente organizzazione del lavoro, adottare opportuni strumenti di verifica dell’apprendimento, di valutazione degli alunni e di miglioramento continuo dei percorsi messi in atto.
  3. Conoscenza dei principali strumenti didattici delle discipline di riferimento e dei criteri per valutarli.
  4. Conoscenze nel campo dei media per la didattica e degli strumenti interattivi per la gestione della classe.
  5. Conoscenza della sitografia di ambito disciplinare e delle biblioteche online, cui far ricorso anche per il proprio aggiornamento culturale e professionale.
  6. Conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo e della psicologia dell’educazione.
  7. Conoscenze approfondite pedagogico – didattiche finalizzate all'attivazione della relazione educativa e alla promozione di apprendimenti significativi e in contesti interattivi in stretto coordinamento con gli altri docenti che operano nella classe, nella sezione, nel plesso scolastico e con l’intera comunità professionale della scuola
  8. Capacità di progettazione curriculare.
  9. Competenze sociali, relative all'organizzazione dell’apprendimento, alla gestione di gruppi e alle relazioni interpersonali, per la conduzione dei rapporti con i diversi soggetti che agiscono nella scuola.
  10. Conoscenza dei modi e degli strumenti idonei all'attuazione di una didattica personalizzata, coerente con i bisogni formativi dei singoli alunni, con particolare attenzione ai bisogni educativi speciali.
  11. Conoscenza delle problematiche legate alla continuità didattica e all'orientamento.
  12. Padronanza delle tematiche legate alla valutazione (sia interna sia che esterna), anche con riferimento alle principali ricerche comparative internazionali e alle indagini nazionali (INVALSI).
  13. Conoscenza delle prospettive teoriche riferite alla valutazione e all'autovalutazione, con particolare riguardo all'area del miglioramento del sistema scolastico, dei gruppi di lavoro e delle persone (studenti e docenti).
  14. Conoscenza approfondita delle Indicazioni nazionali vigenti per la scuola dell’infanzia e del primo ciclo e per i licei, e delle Linee guida per gli istituti tecnici e professionali, anche in relazione al ruolo formativo assegnato ai singoli insegnamenti all'interno dei profili delle competenze.
  15. Conoscenza della legislazione e della normativa scolastica con riferimento ai seguenti temi:
  • La Costituzione italiana e linee essenziali dell’ordinamento amministrativo dello Stato.
  • L’evoluzione storica della scuola italiana, dalla Legge Casati alla Legge 107/2015.
  • La Legge 107/2015.
  • L’autonomia scolastica e l’organizzazione del sistema educativo di istruzione e formazione (dPR 275/1999, dlgs 15 aprile 2005, n. 76, DM 22 agosto 2007, n. 139).
  • Gli ordinamenti didattici: norme generali comuni e, relativamente alle procedure concorsuali, al relativo grado di istruzione (L. 107/2015, dPR 89/2009, dPR 87/2010, dPR 88/2010 e dPR 89/2010, dPR 122/2009).
  • La governance delle istituzioni scolastiche (Testo Unico, Titolo I capo I).
  • Lo stato giuridico del docente, il contratto di lavoro, la disciplina del periodo di formazione e di prova.
  • I compiti e le finalità degli organi tecnici di supporto: l’Invalsi e l’Indire.
  • Il sistema nazionale di valutazione (dPR 80/2013).

  16.  Conoscenza dei seguenti documenti europei in materia educativa recepiti dall'ordinamento italiano:

  • Quadro Europeo delle Qualifiche per l’apprendimento permanente e relative definizioni di competenza, capacità e conoscenza (raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 23 aprile 2008).
  • La raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente.
  • Programmi di scambi/mobilità di docenti e studenti: programma Erasmus.
  1. Conoscenza di una lingua straniera comunitaria al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue straniere.
  2. Competenze digitali inerenti all'uso e alle potenzialità delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali, più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

E' evidente che in parte si tratta di contenuti e competenze coincidenti con le discipline antropo-psico-pedagogiche e le metodologie e tecnologie didattiche, mentre in parte si tratta di argomenti diversi. Tra questi assume rilievo soprattutto la parte di legislazione scolastica, spesso richiesta durante la prova orale. Sarà dunque il bando a dover chiarire se e in quale contesto le avvertenze generali saranno richieste in sede concorsuale.


TRACCE CONCORSO 2012

TRACCE CONCORSO 2016
Scarica qui le tracce del concorso 2016

TRACCE CONCORSO 2016 PROVE SUPPLETIVE
Tracce da A001 a A015

Tracce da A016 a A030
Tracce da A031 a A050 
Tracce da A051 a A064
Tracce da B002 a B012
Tracce da B014 a B026
Tracce Sostegno 
Tracce Infanzia-primaria


D.M. 616/2017
Programma Concorso 2012
Programma Concorso 2016

LIBRI DI TESTO

Per la preparazione al Concorso 2019, il nostro sito, grazie alla collaborazione con la casa editrice Edises, vi offre la possibilità di usufruire di uno sconto del 20% sull'acquisto dei libri di testo Edises. 

Logo Edises

COME ACCEDERE ALLO SCONTO

Basta cliccare nell'apposito link. Più in basso troverete l'elenco di tutti i testi che abbiamo scelto per lo sconto e il relativo link. 

CHI PUÒ ACCEDERE ALLO SCONTO
Tutti coloro che cliccano sull'apposito link. Quindi potete copiare e passare il link a chi volete, anche se non iscritto al gruppo.

CLICCA QUI PER VEDERE LA LISTA DEI LIBRI SCONTATI

Pin It


MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

SCONTO 20% LIBRI EDISES

Sconti Libri Edises 20%

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1