OBIETTIVO

SCUOLA

LA BOZZA DELLA LEGGE DI BILANCIO

La bozza della Legge di bilancio del 31 ottobre 2018 è stata bollinata dalla Ragioneria generale dello Stato e sarà discussa in aula fra circa un mese in modo da essere approvata entro la fine dell'anno. Tale documento intende introdurre importanti novità sul sistema di reclutamento, con particolare riferimento ai docenti di sostegno. E' bene precisare che trattandosi di una bozza predisposta dal Governo, è immaginabile che nel passaggio parlamentare subisca delle significative modifiche.
SostegnoIL SISTEMA INTRODOTTO DAL D.LGS 59/2017 (IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 107/2015 C.D. BUONA SCUOLA)

Il d.lgs 59/2017 aveva previsto la possibilità di partecipare al "concorso ordinario" anche per posti di sostegno per i docenti non abilitati in possesso di un titolo di studio idoneo a consentire l'accesso ad almeno una classe di concorso e in possesso dei 24 CFU nelle materie antro-psico-pedagogiche e nelle metodologie didattiche. A tal fine i candidati avrebbero dovuto sostenere una prova aggiuntiva rispetto alle prove sostenute per la classe di concorso. La partecipazione per posti di sostegno era comunque legata alla partecipazione per la classe di concorso.

LE NOVITA' INTRODOTTE NELLA BOZZA DELLA LEGGE DI STABILITA' 2019

La legge di stabilità intende introdurre importanti novità sia per quanto concerne i requisiti di accesso sia per quanto concerne le modalità di svolgimento delle prove.
Il testo dell'art. 5 comma 3 del D.lgs 59/2017, verrebbe così modificato dalla bozza della legge di bilancio:

Costituisce titolo di accesso al concorso relativamente ai posti di cui all'articolo 3, comma 4, lettera c) (posti di sostegno), il possesso dei requisiti di cui al comma 1 o al comma 2, unitamente al superamento dei percorsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità di cui al regolamento adottato in attuazione dell’articolo 2, comma 416, della legge 24 dicembre 2007, n. 244."

Pertanto, in riferimento alla procedura per posti di sostegno, potranno partecipare al concorso i docenti specializzati cioè i docenti già in possesso del titolo di sostegno conseguito mediante i percorsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità (corsi che impropriamente e comunemente vengono chiamati TFA sostegno).
I docenti privi di specializzazione non potranno quindi partecipare per posti di sostegno ma potranno eventualmente partecipare ai percorsi volti al conseguimento del titolo di sostegno.

LA STRUTTURA DELLE PROVE

Per quanto riguarda la struttura delle prove, è prevista una prova scritta unica nazionale e una prova orale. Entrambe le prove saranno "specifiche" per posti di sostegno e saranno slegate dalla partecipazione alla classe di concorso. Il docente potrà quindi anche decidere di concorrere esclusivamente per posto di sostegno senza dover partecipare necessariamente per posto comune. Si tratta di un'importante novità introdotta rispetto al sistema delineato dal D.lgs 59/2017.


PERCORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER LE ATTIVITA' DI SOSTEGNO (TFA SOSTEGNO)

L'altra importante novità prevista dalla legge di bilancio riguarda i requisiti di accesso del percorso di specializzazione per le attività di sostegno, più comunemente noto come TFA sostegno.
Il secondo paragrafo dell'art. 5 comma 3 del D.lgs 59/2017, verrebbe così modificato dalla bozza della legge di bilancio:

Sono titoli di accesso ai percorsi di specializzazione i requisiti di cui al comma 1 o al comma 2 con riferimento alle procedure distinte per la secondaria di primo o secondo grado."

Ciò significa che, innovando rispetto al passato, ai percorsi di specializzazione per il conseguimento del titolo di sostegno potranno partecipare, non solo i docenti abilitati (come già avveniva in precedenza) ma anche i docenti non abilitati che siano in possesso di un titolo di studio valido per l'accesso ad almeno una classe di concorso nonché i 24 cfu nelle materie antro-psico-pedagogiche e nelle metodologie didattiche. I 24 CFU non sono richiesti per i docenti abilitati.

LA STRUTTURA DEL TFA SOSTEGNO

Il MIUR, con nota Prot. 25818 del 14 settembre 2018 aveva già stabilito l'avvio di un ulteriore ciclo dei percorsi di specializzazione per il sostegno agli alunni con disabilità, della scuola dell'infanzia e primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, per l'a.a. 2018/2019.
La struttura e l'organizzazione del percorso di specializzazione per le attività di sostegno didattico è definita dal DM 30 settembre 2011 adottato in attuazione dell'articolo 2, comma 416, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.
Si tratta di corsi a numero programmato sulla base della programmazione regionale degli organici dei docenti e del fabbisogno specifico di docenti specializzati nonché sulla base della capacità di accoglienza da parte delle università.
I percorsi vengono attivati dalle università, previa autorizzazione del MIUR. 
Per l'accesso ai corsi ciascun ateneo emana il bando che prevede tra l'altro, il numero dei posti disponibili per ciascun percorso, le tipologie dei titoli culturali e professionali valutabili e il punteggio ad essi attribuibile, comunque non superiori a 10 punti complessivi, i programmi su cui vertono le prove di accesso e le modalità di presentazione delle domande di partecipazione alle procedure selettive. 

LE PROVE DI ACCESSO - ARGOMENTI

La prova di accesso, predisposta dalle università, è volta a verificare, unitamente alla capacità di argomentazione e al corretto uso della lingua, il possesso, da parte del candidato, di:

a. Competenze didattiche diversificate in funzione del grado di scuola;

b. Competenze su empatia e intelligenza emotiva riferite ai seguenti aspetti: riconoscimento e comprensione di emozioni, stati d'animo e sentimenti nell'alunno; aiuto all'alunno per un'espressione e regolazione adeguata dei principali stati affettivi; capacita' di autoanalisi delle proprie dimensioni emotive nella relazione educativa e didattica;

c. Competenze su creatività e pensiero divergente, riferite cioe' al saper generare strategie innovative ed originali tanto in ambito verbale linguistico e logico matematico quanto attraverso i linguaggi visivo, motorio e non verbale; 

d. Competenze organizzative in riferimento all'organizzazione scolastica e agli aspetti giuridici concernenti l'autonomia scolastica: il Piano dell'Offerta Formativa, l'autonomia didattica, l'autonomia organizzativa, l'autonomia di ricerca e di sperimentazione e sviluppo, le reti di scuole; le modalita' di autoanalisi e le proposte di auto-miglioramento di Istituto; la documentazione; gli Organi collegiali: compiti e ruolo del Consiglio di Istituto, del Collegio Docenti e del Consiglio di Classe o Team docenti, del Consiglio di Interclasse; forme di collaborazione interistituzionale, di attivazione delle risorse del territorio, di informazione e coinvolgimento delle famiglie. Compito e ruolo delle famiglie. 


LE PROVE DI ACCESSO - TIPOLOGIE DI PROVE

La prova di accesso è predisposta da ciascuna università e si articola in:

a) un test preliminare costituito da 60 quesiti formulati con cinque opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne deve individuare una soltanto. Almeno 20 dei predetti quesiti sono volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana. La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale 0 punti. Il test ha la durata di due ore.

b) una o più prove scritte ovvero pratiche. 

c) una prova orale. 

L'articolazione delle prove scritte e della prova orale, è stabilita dalle università. La loro valutazione è espressa in trentesimi. Le prove vertono su una o più delle tematiche suddette e non prevedono domande a risposta chiusa. 
Per il superamento di ciascuna prova è necessario conseguire una votazione non inferiore a 21/30.

LA STRUTTURA DEL CORSO

Il corso è superato con il conseguimento di 60 crediti formativi universitari, da acquisire in non meno di 8 mesi, ed a seguito dell'esito positivo dell'esame finale. Il corso si articola nelle seguenti attività:

  • Insegnamenti per un totale di 36 CFU
  • Attività laboratoriali per un totale di 9 CFU
  • Attività di tirocinio diretto e indiretto per un totale di 12 CFU. Il tirocinio diretto deve essere espletato in non meno di 5 mesi e deve svolgersi presso le istituzioni scolastiche. Il tirocinio indiretto comprende le attività di supervisione da parte dei docenti del corso o dei docenti dei laboratori o dei tutor, presso le sedi dell'Ateneo o le sedi di tirocinio.
  • Prova finale per un totale di 3 CFU

1 CFU di insegnamento corrisponde a 7,5 ore di attività in aula e a 17,5 ore di studio individuale, quindi un corso da 4 CFU è pari a 30 ore di lezione. La valutazione, che riguarda sia gli insegnamenti sia le attività laboratoriali e le attività di tirocinio diretto e indiretto, è espressa in trentesimi. Per accedere all'esame finale, i candidati dovranno aver superato, con voto non inferiore a 18/30, le valutazioni riferite al tirocinio diretto e indiretto, ai laboratori e agli insegnamenti.

ASSENZE

Le assenze sono accettate nella percentuale del 10% di ciascun insegnamento. Il monte ore relativo sarà recuperato tramite attività on-line, predisposte dal titolare dell'insegnamento. Per il tirocinio e i laboratori vige l'obbligo integrale di frequenza delle attività 
previste, senza riduzioni nè recuperi.

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI

Non è previsto il riconoscimento  di  crediti  formativi. Non  sono previste eccezioni.  

Ai sensi dell’art. 1 commi 6 e 7 del DM 141/2017 e dell’art. 1 comma 2 del DM 226/2017, gli Atenei predispongono percorsi abbreviati per i soggetti in possesso di determinati requisti.

Iscriviti alla Newsletter di Obiettivo Scuola


Ricevi HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi
 
FIT, Concorsi, Graduatorie d'istituto, MAD, GAE, Mobilità - SICILIA
Gruppo Facebook · 3402 membri
Iscriviti al gruppo
Gruppo informativo e collaborativo sul mondo della scuola in Sicilia. FIT, Concorsi, Graduatorie, MAD, Mobilità e quanto altro sul mondo della scuola...
 
 
Concorso Docenti 2018 e FIT (Formazione Iniziale Tirocinio)
Gruppo Facebook · 61.319 membri
Iscriviti al gruppo
Il gruppo nasce come strumento di confronto e di informazione sul fit e sul concorso. NO ???? Sfoghi personali e lamentele fini a se stesse. Post e co...
 

SCONTO 20% LIBRI EDISES

sconto edises