Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.


OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE DI INFORMAZIONE SCOLASTICA

Si è appena conclusa la conferenza stampa unitaria dei cinque sindacati maggiormente rappresentativi del comparto scuola nella quale hanno annunciato lo sciopero unitario del 17 marzo 2020, data che potrebbe tuttavia essere anticipata in funzione dell'evoluzione delle vicende relative all'uscita dei bandi concorsuali che si attendono entro la fine del mese di febbraio e che, in questi giorni sono al vaglio del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) affinché questo possa esprimere il parere obbligatorio ma non vincolante previsto dalla Legge.
loghi sindacatiAl centro delle ragioni dello sciopero vi sono proprio i bandi concorsuali e l'istituzione dei percorsi abilitanti, temi trattati nell'accordo sottoscritto con i sindacati il 1° ottobre 2019 e nel verbale di conciliazione sottoscritto il 19 dicembre 2019.

COSA CHIEDONO I SINDACATI
Vediamo di seguito quali sono le principali richieste dei sindacati.


PERCORSI STRUTTURALI DI ABILITAZIONE PER I DOCENTI DELLA SECONDARIA

I sindacati chiedono innanzitutto l'istituzione di percorsi strutturali di abilitazione per i docenti della scuola secondaria coerentemente a quanto previsto dall'intesa sottoscritta il 1° ottobre 2019 tra MIUR e sindacati, che prevedeva un Disegno di legge collegato alla Legge di bilancio per “disciplinare percorsi strutturali di formazione e abilitazione per i docenti”, da definire previo confronto approfondito fra ministero e sindacati. Anche il verbale di conciliazione del 19 dicembre 2019, prevedeva l'avvio, entro il mese di gennario, del confronto sulle abilitazioni strutturali, con particolare riguardo a chi ha pregressa esperienza di insegnamento.
In considerazione del fatto che oggi la maggioranza dei supplenti in servizio non è abilitata, i sindacati chiedono l'attivazione di percorsi abilitanti ad alta valenza formativa aperti a tutti (sulla logica dei vecchi TFA) ma anche garanzie per i precari non abilitati con 36 mesi di servizio, come avvenuto nel 2014 con i PAS.
Secondo i sindacati, restano a oggi disattesi gli impegni che in tal senso sono indicati nell'intesa del 1° ottobre 2019 e nel verbale di conciliazione del 19 dicembre.


CONCORSO STRAORDINARIO
In merito al concorso straordinario i sindacati contestano la mancata accettazione delle loro richieste con particolare riferimento a:

  • Valorizzazione del servizio prestato, da valutare in misura prevalente rispetto al punteggio della prova
  • Validità del servizio prestato per tre anni su sostegno, anche senza titolo, ai fini della partecipazione al concorso su posto comune
  • Previsione di un percorso abilitante riservato contestuale al concorso straordinario per assumere 24000 docenti precari
  • Pubblicazione della banca dati dei quesiti per favorire una migliore preparazione dei docenti, analogamente a quanto avviene per molte altre procedure di selezione 

 

PERCORSI ABILITANTI STRAORDINARI: SIAMO GIÀ TROPPO IN RITARDO
In merito al percorsi abilitanti straordinari (ovvero la procedura abilitante prevista nell'ambito del concorso straordinario), i sindacati chiedono di avviare subito la procedura riservata ai docenti aventi titolo (docenti con 3 anni di servizio nelle scuole paritarie, docenti con servizio misto, docenti di ruolo provenienti da altri ordini di scuola, docenti provenienti dai percorsi di IeFp).

CONCORSO ORDINARIO
In merito al concorso ordinario di scuola secondaria di primo e secondo grado, i sindacati chiedono di uniformare su tutto il territorio nazionale il punteggio minimo richiesto nella prova preselettiva per l’accesso ai concorsi ordinari.

 

CONTRATTO E STIPENDI
Sul fronte degli stipendi si sottolinea come in Italia lo stipendio è sotto la media europea, la metà rispetto alla Germania. Ma anche dando uno sguardo agli altri dipendenti pubblici, emerge che la retribuzione media annuale del personale della pubblica amministrazione di pari livello è di 33.780 euro a fronte di una retribuzione media annuale del personale docente che è di 29.629 euro (fonte ARAN). I sindacati chiedono quindi risorse per il rinnovo del contratto in modo da consentire il pieno recupero salariale, la valorizzazione delle diverse professionalità puntando all'equiparazione con gli stipendi di livello europeo. 

 

CONCORSO RISERVATO PER FACENTI FUNZIONE DSGA
Avviare il concorso riservato per gli assistenti amministrativi di ruolo che hanno svolto per almeno tre anni le funzioni di DSGA, anche se privi di titolo specifico in modo da riconoscere l’esperienza di lavoro maturata.


Tra le altre richieste dei sindacati:

  • Procedere in sede contrattuale a un ulteriore riequilibrio tra legge e contratto
  • Garantire il carattere nazionale dell’istruzione
  • Fare la scelta politica di un piano di forti investimenti per l’istruzione
  • Trasformare l’organico di fatto in organico di diritto

SCARICA I DOCUMENTI CONSEGNATI NEL CORSO DELLA CONFERENZA STAMPA.

 

Pin It

MAD doocenti.it

BANNER MNEMOSINE

calcola supplenze

CERCA SU GOOGLE