Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

GRADUATORIE D'ISTITUTO, MAD, CONCORSI, GAE, MOBILITÀ,  PERMESSI, ATA, SUPPLENZE.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE D'INFORMAZIONE SCOLASTICA



Il 20 novembre 2019 le Commissioni riunite VII e XI hanno concluso l'esame del D.L. 29 ottobre 2019, n. 126, adottato dal Consiglio dei Ministri il 10 ottobre 2019 e pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 30 ottobre 2019.
Esso dà seguito, con alcune sue disposizioni, ad una intesa su questioni relative alla scuola raggiunta dal Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca con le organizzazioni sindacali il 1° ottobre scorso, sulla quale si sono innestate varie novità durante l'esame parlamentare.
L'esame in Assemblea è stato avviato il 25 novembre 2019. Vediamo di seguito cosa prevede il Decreto Legge così come modificato dalle commissioni riunite. 
Decreto Scuola

RECLUTAMENTO E ABILITAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE NELLA SCUOLA SECONDARIA
L'art. 1, commi da 1 a 16 e 19, prevede l'indizione, entro il 2019, contestualmente al concorso ordinario, di una procedura straordinaria finalizzata, innanzitutto, all'immissione in ruolo di 24.000 docenti nella scuola secondaria di primo e di secondo grado.

Essa è destinata a soggetti che, fra gli a.s. 2008/2009 e 2019/2020, hanno svolto almeno 3 anni di servizio nella scuola statale, ovvero sono stati impegnati nei progetti regionali di formazione che prevedono attività di carattere straordinario, anche ai fini dell'adempimento dell'obbligo dell'istruzione, ovvero del contrasto alla dispersione scolastica.

La medesima procedura è finalizzata, altresì, a consentire, al ricorrere delle condizioni indicate, il conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento nello stesso ordine di scuole ai soggetti che hanno svolto, anche cumulativamente, almeno 3 anni di servizio – nei medesimi a.s. – nelle scuole statali o paritarie, nonché nei percorsi del sistema educativo di istruzione e formazione professionale.

 

RECLUTAMENTO DI DOCENTI PER L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA
L'art. 1-bis autorizza l'avvio, entro il 2020, di un concorso per la copertura dei posti per l'insegnamento della religione cattolica. Nelle more, alle immissioni in ruolo si procede utilizzando le graduatorie del concorso bandito nel 2004.
Tale concorso sarà bandito dal MIUR, previa intesa con il Presidente della Conferenza episcopale italiana, per la copertura dei posti per l'insegnamento della religione cattolica che si prevede siano vacanti e disponibili negli anni scolastici dal 2020/2021 al 2022/2023.
Una quota non superiore al 35 per cento dei posti del concorso può essere riservata al personale docente di religione cattolica, in possesso del riconoscimento di idoneità rilasciato dall'ordinario diocesano, che abbia svolto almeno tre annualità di servizio, anche non consecutive, nelle scuole del sistema nazionale di istruzione.

PROCEDURE CONCORSUALI PER POSTI DI SOSTEGNO
L'art. 1co. 18-ter, prevede l'ammissione con riserva alle procedure concorsuali per i posti di sostegno da bandire nel 2019 e 2020, dei soggetti iscritti ai percorsi di specializzazione avviati entro la data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge.

ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DI PERSONALE SCOLASTICO
L'art. 1, co. 18-quater, prevede l'immissione in ruolo, in via straordinaria, di personale scolastico a tempo indeterminato, su posti vacanti e disponibili, a valere sulle facoltà assunzionali non utilizzate per l'a.s. 2019/2020.

UTILIZZO DELLE GRADUATORIE CONCORSUALI
L'art. 1, co. 17-17-septies, prevede che, dall'a.s. 2020/2021, per la copertura, in ogni regione, dei posti vacanti e disponibili di personale docente ed educativo che residuano dopo le consuete operazioni di immissione in ruolo, si procede, su domanda degli interessati, mediante scorrimento delle graduatorie di altre regioni o province. Nel caso, però, di procedure concorsuali avviate e non concluse, i relativi posti messi a concorso sono accantonati e non possono essere coperti in tal modo.

Il successivo co. 18 prevede che le graduatorie del concorso del 2016 sono valide per un ulteriore anno. A sua volta, l'ancora successivo co. 18-bis dispone che i soggetti inseriti nelle graduatorie del concorso del 2016 possono richiedere l'inserimento nelle graduatorie dei concorsi straordinari non selettivi banditi nel 2018, anche in regioni diverse da quella della graduatoria di origine.

SUPPLENZE
L'art. 1-quater prevede la costituzione di nuove graduatorie provinciali da utilizzare per il conferimento delle supplenze annuali e di quelle fino al termine delle attività didattiche. Per le supplenze brevi invece, i soggetti inseriti nelle graduatorie provinciali, continueranno a scegliere 20 istituzioni scolastiche nella provincia in cui hanno presentato domanda di inserimento.  Sarà istituita una specifica graduatoria provinciale finalizzata all'attribuzione degli incarichi su sostegno, per i docenti in possesso del titolo di specializzazione su sostegno.

Inoltre, differisce (dall'a.s. 2019/2020) all'a.s. 2022/2023 il termine a decorrere dal quale possono essere inseriti nelle graduatorie di circolo e di istituto solo soggetti abilitati e reca indirizzi per l'aggiornamento delle stesse per posto comune nella scuola secondaria per il prossimo triennio scolastico.
In particolare, in occasione dell'aggiornamento previsto per l'anno scolastico 2019\2020, l'inserimento nella terza fascia per posto comune sulla scuola secondaria sarà riservato ai soggetti precedentemente inseriti nella predetta fascia ovvero ai soggetti in possesso dei titoli di cui all'articolo 5, comma 1, lettera b oppure comma 2, lettera b), del D.lgs 59/2017.
Ora, poiché i commi 1 e 2 dell'articolo 5 prescrivono il possesso dei 24 CFU\CFA ne deriva che i nuovi inserimenti saranno consentiti a condizione che si sia in possesso di tali CFU, requisito invece non prescritto per coloro che siano già precedentemente iscritti.

DIDATTICA DIGITALE E PROGRAMMAZIONE INFORMATICA
L'articolo 1-ter prevede l'acquisizione, da parte del personale docente, di competenze relative alle metodologie e tecnologie della didattica digitale e della programmazione informatica (coding).

SCUOLE DELL'INFANZIA PARITARIE
L'art. 1-sexies prevede, in via transitoria per l'a.s. 2019/2020, l'attivazione di un supporto educativo temporaneo nelle scuole dell'infanzia paritarie che non riescano a reperire, per le sostituzioni, personale docente abilitato.

INSEGNAMENTO DELL'EDUCAZIONE CIVICA
L'art. 7 dispone che l'introduzione dell'insegnamento dell'educazione civica (a decorrere dall'a.s. 2020/2021) non determina un incremento della dotazione organica complessiva, né un incremento dell'organico di fatto oltre i limiti già previsti.

VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI
L'art. 8, co. 5, prevede che il bonus per la valorizzazione del merito, inizialmente destinato solo ai docenti di ruolo, è destinato anche ai docenti con contratto a tempo determinato fino al termine delle attività didattiche (30 giugno) o fino al termine dell'anno scolastico (31 agosto).

Pin It


MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

SCONTO 20% LIBRI EDISES

Sconti Libri Edises 20%

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1