Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

GRADUATORIE D'ISTITUTO, MAD, CONCORSI, GAE, MOBILITÀ,  PERMESSI, ATA, SUPPLENZE.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE D'INFORMAZIONE SCOLASTICA



Con il parere espresso nella nota n. 15020 del 12 ottobre 2016, l'USR Toscana si è espresso in merito al riconoscimento del servizio prestato in qualità di docente presso una scuola dell’infanzia comunale paritaria nel caso in cui il docente in questione non sia dipendente dell’Amministrazione comunale ma di un soggetto privato gestore del servizio.
scuola paritariaSecondo il parere dell'ufficio scolastico, il servizio di insegnamento prestato presso un istituto scolastico, di qualsivoglia ordine e grado e gestito sia da enti pubblici che da soggetti privati, che abbia ottenuto il riconoscimento della parità scolastica, debba essere valutato, ai fini dell’inserimento/aggiornamento nelle graduatorie ad esaurimento ovvero di circolo e di istituto, alla stregua del servizio svolto presso analoga istituzione scolastica statale.
In tale contesto, il servizio prestato da un docente presso un istituto scolastico che abbia ottenuto il riconoscimento e la annuale “conferma” della parità - e abbia dunque dimostrato di essere in possesso di tutti i requisiti stabiliti dalla legge 62/2000 – sembra dover essere riconosciuto a prescindere dalla natura pubblica o privata del datore di lavoro.

il servizio di insegnamento prestato presso un istituto scolastico, di qualsivoglia ordine e grado e gestito sia da enti pubblici che da soggetti privati, che abbia ottenuto il riconoscimento della parità scolastica, debba essere valutato, ai fini dell’inserimento/aggiornamento nelle graduatorie ad esaurimento ovvero di circolo e di istituto, alla stregua del servizio svolto presso analoga istituzione scolastica statale".

Pertanto, i docenti che abbiano prestato servizio di docenza presso una scuola dell’infanzia comunale paritaria che, pur avendo affidato la gestione del servizio ad un ente privato, si dimostri in possesso dei requisiti stabiliti dalla legge ed abbia pertanto ottenuto il riconoscimento e la conferma della parità ai sensi della legge 62/2000, possano conseguire il punteggio per “titoli di servizio” ai fini dell’inserimento/aggiornamento nelle/delle graduatorie ad esaurimento ovvero di circolo e di istituto ai sensi delle disposizioni vigenti.

PRECISAZIONI
A parere dello scrivente affinché il servizio svolto presso le scuole dell'infanzia comunali possa essere valutato al pari del servizio svolto presso le scuole statali, è necessario che il servizio sia svolto in qualità di "insegnante". Non è tale, invece, il servizio svolto, ad esempio, in qualità di "esperto esterno" o in qualità di "insegnante di supporto". Inoltre, è necessario che il servizio sia stato retribuito, anche se in forma ridotta. 
Il servizio diverso da quello prestato in qualità di insegnante, se comunque di natura didattica, sarà eventualmente valutabile come altre attività di insegnamento esclusivamente nella III fascia delle graduatorie d'istituto.

Parere USR Toscana nota n. 15020 del 12 ottobre 2016

Pin It


MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

SCONTO 20% LIBRI EDISES

Sconti Libri Edises 20%

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1