Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

GRADUATORIE D'ISTITUTO, MAD, CONCORSI, GAE, MOBILITÀ,  PERMESSI, ATA, SUPPLENZE.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE D'INFORMAZIONE SCOLASTICA



L'art. 15 comma 7 del CCNL comparto scuola prevede che:
malattia

Il dipendente ha diritto, inoltre, ove ne ricorrano le condizioni, ad altri permessi retribuiti previsti da specifiche disposizioni di legge."

Quindi in aggiunta agli specifici permessi previsti dal CCNL comparto scuola, al personale scolastico spettano gli ulteriori permessi previsti da altre disposizioni di legge.

CONGEDO PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI

La lavoratrice e il lavoratore hanno diritto ad un permesso retribuito di tre giorni lavorativi all'anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge od un parente entro il secondo grado o del convivente, purché la stabile convivenza con il lavoratore o la lavoratrice risulti da certificazione anagrafica. In alternativa, nei casi di documentata grave infermità, il lavoratore e la lavoratrice possono concordare con il datore di lavoro diverse modalità di espletamento dell'attività lavorativa."

Quindi, anche ai lavoratori del comparto scuola spettano 3 giorni di permesso l'anno in caso di decesso o di grave infermità del coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente.
Il D.M. n. 278/2000 attuativo della predetta legge, all’art. 1 commi 1 e 2 prevede che:

La lavoratrice e il lavoratore, dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati, hanno diritto a tre giorni complessivi di permesso retribuito all'anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge, anche legalmente separato, o di un parente entro il secondo grado, anche non convivente, o di un soggetto componente la famiglia anagrafica della lavoratrice o del lavoratore medesimi.

Per fruire del permesso, l'interessato comunica previamente al datore di lavoro l'evento che dà titolo al permesso medesimo e i giorni nei quali esso sarà utilizzato. I giorni di permesso devono essere utilizzati entro sette giorni dal decesso o dall'accertamento dell'insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici".

Ora, poiché i permessi per lutto sono già specificatamente disciplinati dal CCNL comparto scuola (artt. 15 e 19), il DM n. 278/2000 sarà applicabile solamente nella parte relativa ai permessi per grave infermità. Per quanto riguarda i permessi per lutto occorre fare riferimento alle norme, di maggior favore, previste dagli artt. 15 e 19 del CCNL comparto scuola.

PER CHI È POSSIBILE FRUIRE I PERMESSI
I 3 giorni di permesso retribuito possono essere fruiti per la grave infermità:

  • Del lavoratore stesso.
  • Del coniuge, anche legalmente separato.
  • Di parenti entro il secondo grado (per i quali non occorre il requisito della convivenza): genitori, figli naturali, adottati o affiliati (I grado); nonni, fratelli e sorelle, nipoti di nonni naturali (figli dei figli) (II grado).
  • Soggetto componente la famiglia anagrafica: la condizione dovrà risultare da certificazione anagrafica.

ENTRO QUANDO POSSONO ESSERE FRUITI I PERMESSI
I giorni di permesso devono essere utilizzati entro sette giorni dal decesso o dall'accertamento dell'insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici. 

GIORNI FESTIVI
Il DM 278/2000 ha previsto che, i tre giorni di permesso sono da considerarsi come giorni di effettivo lavoro, per cui i giorni festivi e quelli non lavorativi non vanno considerati nei suddetti giorni di permesso. Pertanto, se un dipendente fruisce dei permessi nelle giornate di venerdì, sabato e lunedì, la domenica non potrà essere ricompresa nell'assenza.

QUALI PATOLOGIE POSSONO ESSERE CONSIDERATE
In base alla note del Ministero del Lavoro, interpello n. 16/2008 e nota n. 25/I/0016754 del 25.11.2008 le patologie che possono essere considerate sono:

  1. patologie acute o croniche che determinano temporanea o permanente riduzione o perdita dell’autonomia personale, ivi incluse le affezioni croniche di natura congenita, reumatica, neoplastica, infettiva, dismetabolica, post-traumatica, neurologica, neuromuscolare, psichiatrica, derivanti da dipendenze, a carattere evolutivo o soggette a riacutizzazioni periodiche;
  2. patologie acute o croniche che richiedono assistenza continuativa o frequenti monitoraggi clinici, ematochimici e strumentali;
  3. patologie acute o croniche che richiedono la partecipazione attiva del familiare nel trattamento sanitario;
  4. patologie dell’infanzia e dell’età evolutiva aventi le caratteristiche di cui ai precedenti numeri 1, 2, e 3 o per le quali il programma terapeutico e riabilitativo richiede il coinvolgimento dei genitori o del soggetto che esercita la potestà.

CUMULABILITÀ CON ALTRI PERMESSI
Il permesso per grave infermità può essere fruito insieme alle altre tipologie di permesso previste da altre norme di legge nonché dal CCNL comparto scuola, ivi compresi i permessi per lutto. Infatti, il CCNL scuola prevede un regime di maggior favore rispetto a quello previsto dal citato decreto, disciplinando specificatamente i permessi per lutto e non prevedendo che i 3 giorni di permesso siano "cumulativi" fra le due tipologie. Al contrario, il personale della scuola potrà fruire sia dei 3 giorni di permesso per lutto (artt. 15 e 19 del CCNL) sia dei permessi per grave infermità di cui al DM 278/2000.

CUMULABILITÀ CON ALTRI PERMESSI
I permessi per grave infermità sono pienamente retribuiti e sono utili ai fini dell'anzianità di servizio, della progressione di carriera, del trattamento di quiescenza e previdenza, per il trattamento di fine rapporto e dell'indennità di buonuscita, ai fini della maturazione del diritto alle ferie e della tredicesima mensilità.

DM n. 278/2000
CCNI mobilità 2017\2018

Pin It


MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

SCONTO 20% LIBRI EDISES

Sconti Libri Edises 20%

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1