OBIETTIVO

SCUOLA

Per l’anno accademico 2018-2019 è indetto un concorso pubblico per titoli ed esame per l’ammissione alle scuole di specializzazione per le professioni legali.

scuole di specializzazione professioni legali

 

La prova d’esame si svolgerà il giorno 25 ottobre 2018 su tutto il territorio nazionale, presso le università sedi delle scuole di specializzazione per le professioni legali.

Il numero complessivo dei laureati in giurisprudenza da ammettere alle scuole, determinato in 3.600 unità, è ripartito tra le scuole di specializzazione, così come indicato di seguito:
scuole di specializzazione legale

Requisiti per la partecipazione al concorso

Al concorso sono ammessi coloro i quali hanno conseguito il diploma di laurea in giurisprudenza secondo il vecchio ordinamento e coloro che hanno conseguito la laurea specialistica o magistrale in giurisprudenza.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE 

La domanda di partecipazione al concorso, compilata secondo il modello predisposto da ciascuna scuola, dovrà essere presentata presso la segreteria dei corsi di studio di giurisprudenza dell’ateneo sede della scuola di specializzazione per la quale si concorre entro il 5 ottobre 2018. Può essere presentata domanda di partecipazione con riserva ove il candidato non sia in possesso del titolo accademico prescritto nel predetto termine, ma lo consegua comunque in data anteriore alla prova d’esame. Alla domanda di partecipazione i candidati devono allegare la documentazione comprovante l’avvenuto versamento della tassa a tal fine stabilita dalla competente università.

PROVE D'ESAME
La prova di esame è unica a livello nazionale e consiste nella soluzione di cinquanta quesiti a risposta multipla, su argomenti di diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo, diritto processuale civile e procedura penale. La prova d’esame è volta a verificare la conoscenza dei principi, degli istituti e delle tecniche giuridiche riguardanti le materie innanzi indicate.

Il tempo massimo a disposizione dei candidati per l’espletamento della prova è di novanta minuti.

Durante la prova non è ammessa la consultazione di testi e di codici commentati e annotati con la giurisprudenza. 

VALUTAZIONE DELLA PROVA E DEI TITOLI

Ai fini della compilazione della graduatoria in relazione ai posti disponibili, la commissione giudicatrice ha a disposizione, per ciascun candidato, 60 punti, dei quali 50 per la valutazione della prova d’esame, 5 per la valutazione del curriculum e 5 per il voto di laurea.

La valutazione del curriculum e del voto di laurea avviene secondo i criteri stabiliti nell’allegato 2, che costituisce parte integrante del presente decreto.
In particolare, per quanto riguarda la valutazione del curriculum si tiene conto della media curricuare (da 1 a 4 punti) e della durata del proprio percorso universitario (max 1 punto) mentre ulteriori 5 punti possono essere attribuiti sulla base del voto di laurea.

Il bando completo è disponibile qui

Pin It
Iscriviti alla Newsletter di Obiettivo Scuola


Ricevi HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi

SCONTO 20% LIBRI EDISES