fbpx
lunedì, Settembre 27, 2021
HomeConcorsiImmissioni in ruolo 2021/2022: quando i docenti di ruolo possono accettare altra...

Immissioni in ruolo 2021/2022: quando i docenti di ruolo possono accettare altra proposta di immissione in ruolo

I docenti che negli anni scorsi hanno già accettato una proposta di nomina a tempo indeterminato nelle scuole Statali (docenti di ruolo) possono in alcuni casi accettare una nuova proposta di immissione in ruolo.

Diciamo subito che la disciplina risulta essere assai frastagliata e diversificata a seconda della tipologia di graduatoria da cui è arrivata la prima proposta di nomina e delle relative conseguenze.

LA CANCELLAZIONE DALLE GRADUATORIE PER I NEOIMMISSI DAL 2020\2021
Innanzitutto va ricordato che, a partire dalle immissioni dell’anno scolastico 2020\2021 trova applicazione la nuova norma prevista dall’art. 399 bis del Testo Unico comparto scuola secondo cui, una volta ottenuta la conferma in ruolo, si decade da tutte le graduatorie, comprese quelle per il conferimento delle supplenze, a eccezione di quelle dei concorsi ordinari per titoli ed esami (es: GM 2016).

Pertanto:

  1. La decadenza è prevista solo per le immissioni in ruolo disposte a decorrere dall’anno scolastico 2020\2021. Negli altri casi bisogna invece fare riferimento ai regimi previsti precedentemente, i quali vengono fatti salvi, di cui parleremo nei paragrafi successivi. 
  2. La decadenza non riguarda in ogni caso le graduatorie dei concorsi ordinari.
  3. La decadenza avviene solo all’atto della conferma in ruolo. Questo significa che, se il docente per un qualsiasi motivo ha rinviato l’anno di prova (cosa che peraltro può avvenire anche più volte per motivi diversi, quali maternità, malattia, aspettativa, ecc.), non essendo avvenuta la conferma in ruolo, non potrà nemmeno avvenire il relativo depennamento dalle graduatorie.

Pertanto, alla luce di quanto detto, in generale il docente immesso in ruolo a decorrere dall’anno scolastico 2020/2021 potrà lasciare l’attuale ruolo per accettare una nuova proposta di assunzione solo se questa proverrà dalle graduatorie dei concorsi ordinari per titoli ed esami, visto che da tutte le altre graduatorie sarà depennato con la conferma in ruolo.

Di seguito vediamo in quali casi i docenti di ruolo prima dell’anno scolastico 2020/2021 potranno quest’anno accettare una nuova proposta di nomina.


Accettare altro ruoloDOCENTI ASSUNTI DA GRADUATORIE DI MERITO CONCORSO 2018 SCUOLA SECONDARIA
Secondo quanto disposto dal D. lgs 59/2017, in seguito alle modifiche apportate con la legge finanziaria 2019, il personale docente immesso in ruolo dalle GMRE 2018 a partire dall’anno scolastico 2019\2020, una volta ottenuta la conferma in ruolo, viene cancellato da ogni altra graduatoria, di merito, di istituto o ad esaurimento, nella quale sia iscritto. Tale effetto non si produce subito ma ma all’atto della conferma in ruolo.
Tuttavia come indicato dall’Allegato A (istruzioni operative per le immissioni in ruolo 2020\2021), i docenti nominati nell’a.s. 2019/20 per effetto di quanto disposto dal D.D.G. n. 85/2018 potranno optare per una graduatoria di altra classe di concorso (sempre relativa al concorso 2018) se pubblicata in data successiva alla nomina precedentemente accettata.
L’allegato A (istruzioni operative per le immissioni in ruolo) ha inoltre precisato che i soggetti inseriti in ruolo dalle predette procedure mantengono il diritto a essere nominati in ruolo dalle graduatorie di merito dei concorsi ordinari per titoli ed esami.
I docenti assunti da GM 2018 scuola secondaria potranno quindi:

  • Accettare nuova proposta di nomina per una graduatoria di altra classe di concorso (sempre relativa al concorso 2018) se pubblicata in data successiva alla nomina precedentemente accettata.
  • Accettare nuovo ruolo da GM2016, anche per la stessa classe di concorso\tipologia di posto.

DOCENTI ASSUNTI DA GM 2016
Chi ha accettato negli anni passati nomina in ruolo da graduatoria regionale di concorso 2016 è stato già cancellato dalla relativa graduatoria di merito ma non da altre graduatorie di merito, comprese quelle dei concorsi straordinari, in cui era eventualmente inserito. L’immissione in ruolo ha determinato inoltre la cancellazione da tutte le GAE della provincia in cui si era eventualmente inseriti.
I docenti assunti da GM 2016 potranno quindi:

  • Accettare nuova proposta di nomina per una graduatoria di altra classe del concorso 2016
  • Accettare una proposta di nomina dalle GM concorso straordinario 2018, anche per la stessa classe di concorso\tipologia di posto.

ACCETTAZIONE DA GM CONCORSO STRAORDINARIO (INFANZIA E PRIMARIA)
L’immissione in ruolo da una delle graduatorie di merito straordinarie regionali comporta, ai sensi dell’art. 4, comma 1-decies, del c.d. Decreto dignità, la decadenza dalle altre graduatorie del predetto concorso nonché dalle graduatorie di istituto e dalle graduatorie ad esaurimentoL’immissione in ruolo da GM2018 straordinario non comporta invece la decadenza dalla GM 2016 e, in generale dalle graduatorie dei concorsi ordinari per titoli ed esami, non essendo queste citate dalla norma.

I docenti assunti da GM 2018 concorso straordinario infanzia\primaria potranno quindi:

  • Accettare nuova proposta di nomina dalle GM2016 anche per la stessa tipologia di posto.

NOMINA IN RUOLO DA GRADUATORIE AD ESAURIMENTO
La nomina in ruolo da una graduatoria ad esaurimento (GAE) determina la decadenza e cancellazione da tutte le altre GAE in cui il docente risulta incluso. Non comporta invece la cancellazione dalle graduatorie di merito (es: GM2016, GM2018). 
Nel caso in cui si ottenga nomina in ruolo su posto di sostegno si è depennati anche dal posto comune o classe di concorso in cui si è eventualmente presente in GAE.

I docenti assunti dalle GAE potranno quindi:

  • Accettare nuova proposta di nomina da GM concorso 2016,  anche per la stessa classe di concorso\tipologia di posto.
  • Accettare una proposta di nomina dalle GM concorso straordinario 2018, anche per la stessa classe di concorso\tipologia di posto.

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI