fbpx
lunedì, Agosto 15, 2022
HomeGraduatorieDiplomati magistrali in GAE/ruolo con sentenza definitiva: nota ambito di Bari su...

Diplomati magistrali in GAE/ruolo con sentenza definitiva: nota ambito di Bari su revoca ruolo e depennamento GAE

La vicenda dell’inserimento in GAE dei diplomati magistrali è tra le più complesse degli ultimi anni.

Com’è noto, dopo anni di interpretazioni controverse, con sentenza del 20 dicembre 2017 n. 11, l’adunanza plenaria del Consiglio di Stato ha stabilito che:

l’abilitazione all’insegnamento nella scuola materna ed elementare […], non ha mai costituito titolo sufficiente per l’inserimento nelle graduatorie permanenti istituite dall’art. 401 D.lgs. 297/1994, essendo, invece, previsto a tale fine il superamento di procedure di natura concorsuale”. 

In altri termini, il mero possesso del diploma magistrale, ancorché conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, non costituisce titolo sufficiente per l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento – GAE del personale docente e educativo.

Senonché prima della pronuncia definitiva del Consiglio di Stato (in adunanza plenaria), lo stesso Consiglio di Stato e il TAR Lazio avevano pronunciato sentenze di segno opposto divenute ormai definitive. Vi sono in sostanza molti docenti che hanno ormai una sentenza divenuta definitiva cioè non più impugnabile.

Tra queste vi è la sentenza n. 3628/2015 – RG 2222/2015 con cui il Consiglio di Stato, in accoglimento del ricorso proposto, ha disposto l’annullamento del “decreto ministeriale n. 235/2014 nella parte in cui non ha consentito agli originari ricorrenti, docenti in possesso del titolo abilitante di diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, l’iscrizione nelle graduatorie permanenti, ora ad esaurimento”.

Ora, l’USR Puglia, ambito territoriale di Bari, con la nota n. 11872 del 3 giugno 2022 sembra mettere in discussione anche tali sentenze. Nella nota si afferma infatti: 

Con che il limite oggettivo del giudicato è costituito dal provvedimento impugnato, non
potendosi ritenere sussistente una efficacia ultrattiva dello stesso che investa provvedimenti successivi, relativi a periodi differenti rispetto al provvedimento impugnato.

In sostanza, secondo la tesi dell’ufficio scolastico, l’efficacia della sentenza sarebbe limitata al solo decreto ministeriale 235/2014 (che ha disciplinato le GAE per il triennio 2o14/2017).

Con detta nota l’ambito di Bari comunica l’avvio del procedimento di verifica della legittima presenza nelle Graduatorie provinciali ad esaurimento dei docenti, diplomati magistrali ante 2001/2002, inseriti in esecuzione della predetta sentenza e il conseguente  depennamento dalle GAE.

Parimenti si comunica la necessità di procedere alla verifica della legittimità delle procedure di immissione in ruolo disposte in favore di docenti, diplomati magistrali ante 2001/2002, destinatari della predetta sentenza.

Secondo l’Avv. Walter Miceli (ufficio legale ANIEF) si tratta di una tesi che non ha nessun fondamento giuridico e l’ufficio legale del sindacato agirà immediatamente a tutela dei soci ANIEF destinatari di tali provvedimenti.

VEDI LA NOTA

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI