fbpx
HomeImmissioni in ruoloAssunzioni da GPS I fascia per il ruolo: percorso annuale di formazione...

Assunzioni da GPS I fascia per il ruolo: percorso annuale di formazione iniziale e prova disciplinare [Chiarimenti]

In questi giorni i vari ambiti territoriali stanno provvedendo alla pubblicazione degli esiti delle operazioni di assegnazione delle sedi per le nomine da GPS I fascia finalizzate alle immissioni in ruolo. Si tratta della procedura straordinaria prevista dal Decreto Sostegni BIS.

ASSUNZIONE E CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO
I soggetti individuati per il primo anno saranno destinatari di un contratto a tempo determinato. A tal fine, all’atto dell’assunzione in servizio il Dirigente Scolastico della scuola destinataria dovrà sottoporre all’interessato il contratto individuale di lavoro a tempo determinato

ANNO DI FORMAZIONE E PROVA
Durante il contratto a tempo determinato i candidati svolgono il percorso annuale di formazione iniziale e prova. Come di consueto, al termine dell’anno di prova il personale docente è sottoposto a valutazione da parte del Dirigente Scolastico, sentito il parere del comitato per la valutazione dei docenti e sulla base dell’istruttoria del docente tutor.
Durante l’anno di formazione e prova verranno svolte le tradizionali attività previste per i docenti neoimmessi in ruolo (laboratori formativi e\o visite presso scuole innovative, attività di peer to peer, attività di rielaborazione professionale
sulla piattaforma indire, incontri iniziali e di restituzione finali). Per un approfondimento sullo svolgimento dell’anno di prova si veda questo articolo.

PROVA DISCIPLINARE FINALE
In aggiunta rispetto al normale percorso di formazione annuale e a seguito della sua positiva valutazione, è prevista una prova disciplinare relativa ai programmi di cui agli Allegati A al decreto ministeriale 9 aprile 2019, n. 327 per la scuola dell’infanzia e primaria e all’Allegato A al decreto ministeriale 20 aprile 2020, n. 201 per la scuola secondaria, alla quale accedono i candidati il cui percorso annuale di formazione e prova è stato valutato positivamente. 

La prova disciplinare è superata dai candidati che raggiungono una soglia di idoneità ed è valutata da una commissione esterna all’istituzione scolastica di servizio.
La prova disciplinare consiste in un colloquio di idoneità volto a verificare:

a) per l’insegnamento su posto comune nelle scuole di ogni grado, possesso e corretto esercizio, in relazione all’esperienza maturata dal  docente e validata dal superamento dell’anno di formazione iniziale e prova, delle competenze culturali e disciplinari, relative ai nuclei fondanti delle discipline di insegnamento sottese ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;

b) per l’insegnamento sui posti di sostegno nelle scuole di ogni grado, possesso e corretto esercizio, in relazione all’esperienza maturata dal docente e validata dal superamento dell’anno di formazione iniziale e prova, delle conoscenze e competenze finalizzate a una progettazione educativa individualizzata che, nel rispetto dei ritmi e degli stili di apprendimento e delle esigenze di ciascun alunno, individua, in stretta collaborazione con gli altri membri del consiglio di classe, interventi equilibrati fra apprendimento e socializzazione e la piena valorizzazione delle capacità e delle potenzialità possedute dal soggetto in formazione.

CALENDARIO DEI COLLOQUI
Sulla base degli elenchi degli ammessi alla prova disciplinare a seguito del positivo superamento dell’anno di formazione e prova gli USR redigono il calendario dei colloqui, distinti per grado di scuola e tipologia di posto. Lo svolgimento delle prove si conclude entro il mese di luglio 2022

L’elenco delle sedi e l’orario di svolgimento della prova è comunicato dagli Uffici scolastici regionali dove i candidati hanno prestato servizio almeno dieci giorni prima della data di svolgimento tramite avviso pubblicato nei rispettivi albi e siti internet. Detto avviso ha valore di notifica a tutti gli effetti. Nello stesso avviso sono riportate le indicazioni relative allo svolgimento della prova.

La mancata presentazione nel giorno, ora e sede stabiliti, senza giustificato motivo, comporta l’esclusione dalla procedura finalizzata all’immissione in ruolo.

COSTITUZIONE DELLE COMMISSIONI
Le commissioni di valutazione della prova disciplinare sono composte, su base regionale, da personale esterno all’istituzione scolastica di servizio del candidato e sono costituite secondo le modalità e nel rispetto dei requisiti di cui al Decreto ministeriale 9 aprile 2019, n. 329 e al Decreto ministeriale 20 aprile 2020, n. 201.

GIUDIZIO POSITIVO
In caso di positiva valutazione del percorso annuale di formazione e prova e di giudizio positivo della prova disciplinare, il docente è assunto a tempo indeterminato e confermato in ruolo, con decorrenza giuridica dal 1° settembre 2021 o, se successiva, dalla data di inizio del servizio, nella medesima istituzione scolastica presso cui ha prestato servizio a tempo determinato.

VALUTAZIONE NEGATIVA DELL’ANNO DI FORMAZIONE E PROVA
La negativa valutazione del percorso di formazione e prova comporta la reiterazione dell’anno di prova ai sensi dell’articolo 1, comma 119, della legge 13 luglio 2015, n. 107. Quindi, nel caso di valutazione negativa espressa dal Dirigente scolastico, sentito il parere del Comitato di valutazione, l’anno di prova viene reiterato. Questo significa che potrà essere ripetuto ma una sola volta in quanto nel caso di un secondo esito negativo il contratto si scioglierà, come di consueto avviene con riferimento all’anno di formazione e prova.

GIUDIZIO NEGATIVO DELLA PROVA DISCIPLINARE
Il giudizio negativo relativo alla prova disciplinare comporta la decadenza dalla procedura di assunzione e l’impossibilità di trasformazione a tempo indeterminato del contratto. In questo caso quindi non vi sarà alcuna possibilità di ripetere l’anno di formazione e prova.

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI