fbpx
domenica, Aprile 14, 2024
HomeGPS GAE GILaurea in scienze dell'informazione v.o.: si può accedere alla classe di concorso...

Laurea in scienze dell’informazione v.o.: si può accedere alla classe di concorso A-28 (Matematica e scienze)

Il 16 gennaio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto 20 novembre 2023 che modifica i requisiti di accesso alle classi di concorso sono stabiliti dalle tabelle allegate al DPR 19/2016 così come modificato dal DM 259/2017.

Rinviamo a questo articolo per quanto riguarda le novità previste dalla riforma

LE NOVITÀ PREVISTE DAL NUOVO DECRETO
Una delle novità previste dal nuovo decreto è quella relativa all’equiparazioni fra lauree. Infatti:

Quando nella tabella A, nella colonna rubricata “Titoli di accesso Lauree magistrali”, è indicata una specifica classe di laurea magistrale, costituiscono titolo di accesso alla classe di concorso anche la laurea specialistica e la laurea di vecchio ordinamento ad essa corrispondenti ai sensi delle equiparazioni stabilite dal decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione 9 luglio 2009, anche nel caso in cui tali lauree non siano espressamente menzionate nelle corrispondenti colonne”.

Questo significa che le equiparazioni previste dal Decreto Ministeriale 9 Luglio 2009 trovano piena applicazione, non solo per i concorsi, ma anche per tutte le procedure scolastiche (GPS, percorsi abilitanti e corsi di specializzazione per le attività di sostegno).

Infatti, anche se una specifica laurea del vecchio ordinamento (o laurea specialistica) non è espressamente indicata nella relativa colonna (Titoli di accesso DM 39/1998 Vecchio ordinamento), questa sarà utile ai fini dell’accesso alla classe di concorso, se è equiparata ai sensi del D.M. 9 Luglio 2009, a una laurea Magistrale che permette l’accesso alla classe di concorso.

LA LAUREA IN SCIENZE DELL’INFORMAZIONE
La laurea in Scienze dell’informazione vecchio ordinamento non è indicata tra le lauree che permettono l’accesso alla classe di concorso A-28.

Tuttavia, in base al Decreto Ministeriale 9 Luglio 2009, detta laurea è equiparata alle lauree LM-18 e 23/S “Informatica”. In virtù di tale equiparazione è possibile dunque accedere alla classe di concorso A-28 purché si sia in possesso dei medesimi requisiti richiesti per dette lauree:

almeno 84 CFU nei SSD MAT, FIS, CHIM, GEO, BIO, INF/01, ING- INF/05, SECS-S/01 di cui almeno 24 CFU in MAT e 24 CFU complessivi tra FIS, BIO, CHIM e GEO.

Per verificare il rispetto dei requisiti in termini di CFU richiesti occorre fare attenzione: nelle lauree vecchio ordinamento gli esami non erano contraddistinti da CFU\settori disciplinari. Pertanto, è opportuno richiedere al proprio ateneo un certificato dal quale si evinca la corrispondenza degli esami sostenuti nella laurea v.o. con gli esami sostenuti nella laurea magistrale LM-13 (con i relativi SSD e CFU).

CORRISPONENZA CON PIÙ LAUREE
La corrispondenza, indicata nella tabella allegata al DM 9 Luglio 2009, tra una laurea v.o. con più classi di lauree specialistiche o magistrali, deve intendersi solo in modo tassativamente alternativo.

Qualora una laurea di vecchio ordinamento trovi corrispondenza con più classi di lauree specialistiche o magistrali, ai sensi dell’articolo 2 del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione 9 luglio 2009, sarà compito dell’Ateneo che ha conferito il diploma di laurea rilasciare, a chi ne fa richiesta, un certificato che attesti a quale singola classe di laurea magistrale è equiparato il titolo di studio posseduto.

Tale certificato dovrà essere allegato alle domande di partecipazione ai concorsi.

VEDI IL DECRETO DI RIFORMA DELLE CDC A-26 A-28

VEDI LA TABELLA
VEDI IL DM 9 Luglio 2009

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI