fbpx
giovedì, Giugno 30, 2022
HomeEsami di StatoCommissari esterni esami di Stato: nomina fuori provincia

Commissari esterni esami di Stato: nomina fuori provincia

Per quanto riguarda la nomina dei commissari esterni degli esami di maturità, l’art. 4 comma 6 della legge 10 dicembre 1997, n. 425 dispone che:

Le nomine dei presidenti e dei commissari esterni sono effettuate avuto riguardo, nell’ordine, all’ambito comunale, provinciale e, solo in casi eccezionali, all’ambito regionale o interregionale“.

Questo significa che, ai fini della nomina dei commissari esterni, occorre dare priorità ai commissari residenti nell’ambito comunale e provinciale e, solo in casi eccezionali, è possibile procedere alla nomina di commissari nell’ambito regionale o interregionale.

La legge 12 settembre 2013, al fine di determinare il contenimento della spesa pubblica, ha disposto che a decorrere dall’anno 2014 le parole da “provinciale” fino a “interregionale” sono sostituite da “e provinciale”, come segue:

Le nomine dei presidenti e dei commissari esterni sono effettuate avuto riguardo, nell’ordine, all’ambito comunale, provinciale.

Conseguentemente, al fine di minimizzare la spesa pubblica per le nomine dei commissari esterni occorre ricorrere a docenti in servizio nella provincia, non potendosi nominare docenti in servizio al di fuori della provincia. Per gli insegnanti non in servizio (come quelli che inviano le MAD – Modelli di messa a disposizione), è possibile procedere alla nomina nella sola provincia di residenza.

Il D.lgs 62/2017, riformando l’esame di Stato per la scuola secondaria di II grado, ha anche abrogato la disposizione di cui si discute (art. 4 comma 6 della Legge 10 dicembre 1997, n. 425), per cui sembrerebbe non più esistente il vincolo suddetto, potendosi in casi eccezionali procedere alla nomina anche in ambito extra provinciale.

Modello di Messa a disposizione (MAD) per gli esami di Stato. Elenco modelli per province

 

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI