fbpx
HomeConcorsiBianchi: presto il concorso ordinario. Con il PNRR affronteremo la questione della...

Bianchi: presto il concorso ordinario. Con il PNRR affronteremo la questione della formazione, sviluppo professionale e valorizzazione degli insegnanti.

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi è intervenuto oggi 15 novembre 2021 al convegno “RIPENSIAMO insieme la scuola”.
Di seguito i tratti salienti dell’intervento. 

CONCORSI
Il Ministro ha parlato di Concorsi.  “Abbiamo fatto i concorsi, il famoso concorso straordinario e ci stiamo apprestando a partire quello ordinario. Questo per ridare stabilità ai nostri docenti e per dare anche certezze alle nostre famiglie”.

RISORSE
Abbiamo operato fin dall’inizio per poter mettere a disposizione delle scuole tutte le risorse (3 miliardi) possibili per la messa in sicurezza delle scuole.

SUPPLENZE
Abbiamo lavorato per una riapertura che potesse portare i docenti fin dall’inizio di settembre a scuola. Lo abbiamo fatto con uno straordinario lavoro che ha permesso di gestire con una piattaforma tutte le allocazioni dei docenti.

GREEN PASS
Abbiamo affrontato la pandemia anche attraverso una piattaforma che ci ha permesso di affrontare, con la piena e totale garanzia di tutela della privacy, di gestire il green pass per tutti i docenti.

RIFORME 
Stiamo affrontando il tema delle riforme che sono richieste dal PNRR e che abbiamo voluto negoziare con l’Europea e con i moltissimi investimenti che oggi abbiamo a disposizione (18,5 miliari di investimenti per la scuola).

Con il PNRR affronteremo la questione della formazione, sviluppo professionale e valorizzazione degli insegnanti. La formazione degli insegnanti e modalità di reclutamento devono andare verso un corpo insegnante che sia orgoglioso della propria attività e che sia quindi adeguatamente remunerato. 

In quest’ottica “ci sarà una riforma del reclutamento, per fornire un corpo insegnante orgoglioso gli insegnanti della propria attività e ben remunerato“.

SCUOLE INNOVATIVE
Occorre andare verso scuole innovative, non soltanto perché a zero consumo di energia e impatto ambientale, ma anche in grado di avere ambienti tali da superare la costrizione della classe così come le abbiamo conosciute finora.  

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI