fbpx
HomeAssegnazioni \ UtilizzazioniAssegnazione provvisoria: precedenza per particolari cure a carattere continuativo

Assegnazione provvisoria: precedenza per particolari cure a carattere continuativo

Il personale docente (non necessariamente disabile) che ha bisogno per gravi patologie di particolari cure a carattere continuativo (ad esempio chemioterapia) ha diritto alla precedenza nelle operazioni di assegnazione provvisoria.
Il bisogno per i medesimi di cure continuative, tali da comportare di necessità la residenza nella sede dell’istituto di cura deve essere,  documentato con certificato rilasciato dalle competenti A.S.L.

Dalle certificazioni prodotte deve risultare l’assiduità della terapia e l’istituto nel quale viene effettuata la terapia stessa. Giova ricordare che le certificazioni mediche non possono essere sostituite da autocertificazione.
La documentazione deve essere scannerizzata e allegata al modulo domanda oppure consegnare/inviare all’ATP di competenza non oltre la data di presentazione delle domande. Fa fede la data del protocollo o dell’invio della PEC.

COSA INDICARE COME PRIMA PREFERENZA
La precedenza spetta, a condizione che la prima di tali preferenze sia relativa ad una scuola del comune in cui esista il centro di cura specializzato ove svolge la relativa terapia ovvero abbia espresso come prima preferenza il comune (o distretto sub comunale) in cui esista il centro di cura specializzato ovvero il comune viciniore in assenza di posti e/o classi di concorso richiedibili in cui esista il centro di cura specializzato oppure una o più istituzioni scolastiche comprese in esso.

INDICAZIONE DELLA PREFERENZA SINTETICA
La preferenza sintetica per il predetto comune è obbligatoria, anche nel caso di comuni in cui esista una sola istituzione scolastica, prima di esprimere preferenza per altro comune. La mancata indicazione del comune o distretto di cura preclude la possibilità di accoglimento da parte dell’ufficio della precedenza sia per il comune (o distretto sub comunale) che per eventuali preferenze relative ad altri comuni, ma non comporta l’annullamento dell’intera domanda. Pertanto, in tali casi, le preferenze espresse saranno prese in considerazione solo come domanda di assegnazione provvisoria/utilizzazione senza diritto di precedenza.

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI