Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.


OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE DI INFORMAZIONE SCOLASTICA

VOTO DI SPECIALIZZAZIONE
Il DM 30 settembre 2011 che disciplina il percorso di specializzazione per il conseguimento del titolo di sostegno (c.d. TFA sostegno), disciplina le modalità valutazione e di attribuzione del voto finale di specializzazione. La valutazione riguarda gli insegnamenti, le attività laboratoriali, le attività di tirocinio diretto e indiretto ed è espressa in trentesimi.
Voto specializzazione
Questo significa che è prevista una valutazione espressa in trentesimi per ognuna delle seguenti attività:

  • Ciascuno dei dieci insegnamenti previsti.
  • Attività laboratoriali.
  • Tirocinio Diretto.
  • Tirocinio Indiretto.

Per accedere all'esame finale, i candidati dovranno aver superato,  con voto non inferiore a 18/30, le valutazioni riferite al tirocinio diretto e indiretto, ai laboratori e agli insegnamenti.

ESAME FINALE
Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 
L'esame finale valuta, attraverso un colloquio con il candidato:

  • un elaborato di approfondimento teorico a scelta del candidato volto a dimostrare la completa padronanza dell'argomento scelto e gli aspetti applicativi in ambito scolastico;
  • una relazione sull'esperienza professionale di tirocinio consistente in una raccolta di elaborazioni, riflessioni e documentazioni; 
  • un prodotto multimediale finalizzato alla didattica speciale con l'uso delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione (T.I.C.).

L'esame finale si intende superato da parte di quei candidati che hanno conseguito una valutazione non inferiore a 18/30.

VOTAZIONE FINALE
La valutazione complessiva finale, espressa in trentesimi, risulta dalla somma della media aritmetica dei punteggi ottenuti nelle valutazioni suddette (insegnamenti, laboratori, tirocinio diretto e indiretto) e dal punteggio ottenuto nell'esame finale. In che modo però si valuta il punteggio dell'esame finale? 

Secondo le indicazioni della Nota MIUR – Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione – Direzione generale per il personale scolastico – Ufficio III Prot. AOODGPER.3615 del 3 febbraio 2015, all'esame finale va attribuito lo stesso peso delle altre componenti, come di seguito indicato:

voto finale = (A/30 +B/30+C/30+D/30+E/30)/5

Dove: A/30 = voto sugli insegnamenti;
B/30 = voto sull’attività laboratoriale;
C/30 = voto sull’attività di tirocinio diretto;
D/30 = voto sull’attività di tirocinio indiretto;
E/30 = voto dell’esame finale.

Le suddette indicazioni sono state fatte proprie dalla gran parte delle Università, tra cui quella di Udine. Non è corretto, invece, come ci segnalano sia avvenuto in altre facoltà, attribuire all'esame finale un peso pari al 50% del voto complessivo come di seguito riportato:

voto finale = (A/30 +B/30)/2

Dove: A/30 = voto sugli insegnamenti; attività laboratoriale; attività di tirocinio diretto; sull’attività di tirocinio indiretto;
B/30 = voto dell’esame finale.

VOTO DI SPECIALIZZAZIONE AI FINI DELL'INSERIMENTO NEGLI ELENCHI AGGIUNTIVI DELLE GRADUATORIE D'ISTITUTO
Stante l'attuale normativa, il voto di specializzazione non presenta alcuna rilevanza ai fini dell'inserimento negli elenchi speciali dei docenti specializzati presenti nelle graduatorie d'istituto. I docenti che conseguono il titolo di specializzazione su sostegno potranno, infatti, inserirsi negli elenchi speciali di I, II o III fascia da quali si attinge con priorità per le supplenze su posti di sostegno. Tali elenchi vanno di pari passo con la fascia di appartenenza (I, II o III fascia). Il voto di specializzazione non rileva ai fini del "posizionamento" in tali elenchi che è determinato unicamente dal punteggio relativo alla propria classe di concorso.
Oltre all'inserimento negli elenchi aggiuntivi, il possesso del titolo di sostegno dà diritto all'ottenimento di un punteggio ulteriore per le graduatorie relative alle varie classi di concorso, pari a 6 punti. Tale punteggio è indipendente dal voto di specializzazione. Ad esempio, il docente iscritto in III fascia per la CDC A-46 (scienze giuridico-economiche) che consegue il titolo di sostegno, avrà diritto all'attribuzione di ulteriori 6 punti in graduatoria, oltre all'iscrizione nell'elenco speciale suddetto. Tale punteggio spetta sia nel caso in cui il docente risulti inserito in III fascia sia qualora si trovi in II fascia, mentre non spetta se il docente è inserito in I fascia poiché in tal caso il punteggio ricalca quello delle graduatorie ad esaurimento (GAE), dove non è previsto tale punteggio addizionale.

PARTECIPAZIONE AL CONCORSO
I docenti specializzati (e probabilmente anche gli specializzandi) potranno partecipare al concorso per posti di sostegno previsto dal D.lgs 59/2017 per la scuola secondaria. Infatti, la legge di bilancio 2019 ha modificato i requisiti di accesso al concorso per posti di sostegno, stabilendo che potranno partecipare esclusivamente i docenti già in possesso del titolo di specializzazione su sostegno. Se in possesso dei relativi requisiti gli specializzati (e gli specializzandi) potranno partecipare anche al concorso straordinario.
Analogamente, anche i docenti della scuola dell'infanzia e della scuola primaria potranno partecipare al concorso per posti di sostegno solo se in possesso del relativo titolo di specializzazione su sostegno.
Per la partecipazione alle procedure per posti di sostegno, il titolo di sostegno è titolo di accesso e, di conseguenza, al voto di specializzazione viene di norma attribuito un punteggio. A titolo esemplificativo, la tabella titoli del concorso 2016 prevedeva l'attribuzione di 5 punti di base per i titoli di specializzazione conseguiti tramite procedure selettive in ingresso e ulteriori 5 punti attribuibili in base al voto di specializzazione.
Per le procedure di specializzazione aventi voti espressi in trentesimi, occorreva effettuare dapprima la conversione in centesimi. Riportiamo di seguito la tabella di conversione del voto di specializzazione espresso in 30esimi in voto espresso in 100esimi e nel punteggio attribuito in occasione del concorso 2016.

VOTO DI ABILITAZIONE IN 30esimi VOTO DI ABILITAZIONE IN 100esimi PUNTEGGIO VOTO DI SPECIALIZZ.
30 100 5
29 97 4,4
28 93 3,6
27 90 3
26 87 2,4
25 83 1,6
24 80 1
23 77 0,4

Per la partecipazione alle procedure concorsuali per posto comune, il titolo di specializzazione è invece titolo culturale che viene di norma valutato con un punteggio forfettario indipendente dal voto di specializzazione (es: 1,50 punti in occasione del concorso 2016).

Documento UNIUD

Pin It

MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

concorso a cattedra 2019

BANNER MNEMOSINE

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1

CERCA SU GOOGLE