Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Condividiamo inoltre informazioni sull'uso del nostro sito con i nostri social media, pubblicità e analytics partner. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

OBIETTIVO SCUOLA

PORTALE DI INFORMAZIONE SCOLASTICA


  speciali concorsiconcorsi 2020 speciale concorso straordinario speciale procedurabilitanteconcorso ordinario infanzia primariaspeciale aggiornamentogr

In questi giorni molti docenti si chiedono se e quando sarà attivato il PAS (Percorso abilitante speciale). Vediamo un po' come stanno realmente le cose.
PAS
L'intesa sottoscritta il 1° ottobre fra MIUR e organizzazioni sindacali prevede che:

Il Ministro s'impegna altresì a presentare al Consiglio dei Ministri un disegno di legge collegato alla manovra di finanza pubblica, da stilare a seguito di un confronto approfondito con le organizzazioni sindacali, che disciplini percorsi strutturali di formazione e abilitazione del personale docente".

A tal fine il Ministero attiverà dei tavoli tecnici con le organizzazioni sindacali finalizzate alla Legge di bilancio, quindi da approntare in tempi ristretti. Tale disegno di legge dovrà però passare dalla discussione e dell'approvazione parlamentare. 
Pertanto, l'intesa prevede nero su bianco l'attivazione di percorsi di abilitazione e dovrebbe trattarsi di percorsi "strutturati", organizzati in via sistematica piuttosto che una tantum.
A tali percorsi, diversamente dal concorso straordinario, potranno accedere anche i docenti di ruolo, i docenti con servizio nelle scuole paritarie e nei centri di formazione professionali limitatamente ai corsi per l'assolvimento dell'obbligo scolastico. 

PAS o TFA?
Nell'intesa sottoscritta il 1° di ottobre non si prevede l'attivazione di "percorsi abilitanti speciali" (PAS) ma di "percorsi strutturali di formazione e abilitazione", formula volutamente generica che dovrà trovare concretizzazione nei successivi incontri tra Ministero e sindacati.
Com'è noto sull'attivazione del PAS vi sono forti riserve da parte dell'attuale maggioranza e lo stesso Ministro si è fin da subito espresso negativamente, preferendo percorsi più selettivi, come i TFA. I sindacati dall'altra parte continuano a insistere sui PAS. Chi la spunterà? Al momento è difficile dirlo perché si tratta di una partita ancora da giocare. 
Nei giorni scorsi è trapelata la notizia di possibili percorsi misti: con accesso diretto per i docenti in possesso dei 3 anni di servizio e con selezione in ingresso per i docenti senza i 3 anni di servizio ma con i 24 CFU. Vi è poi la questione dei dottorati di ricerca che, secondo l'intesa sottoscritta ad agosto dal precedente Governo, avrebbero potuto frequentare il PAS senza requisiti di servizio. In tal senso il sindacato SNALS fa presente che si batterà affinché possano partecipare alle abilitazioni riservate (PAS).
Altri sindacati chiedono che al percorso abilitante possano accedere anche i docenti di ruolo nella scuola primaria ma con titolo di accesso valido anche per la scuola secondaria, in modo da consentire loro la mobilità professionale. 

CONCLUSIONE
Se da una parte appare certa l'attivazione di nuovi percorsi di abilitazione, rimane ancora aleatoria la natura di tali percorsi che sarà oggetto di un successivo confronto fra MIUR e organizzazioni sindacali.


Pin It

MAD doocenti.it

concorso a cattedra 2019

concorso a cattedra 2019

ESAMI ENTRO FEBBRAIO in tempo per la partecipazione al concorso 6

calcola supplenze

banner scuola piccolo 2019 51

banner infanzia primaria piccolo 1