Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni. Condividiamo inoltre informazioni sull'uso del nostro sito con i nostri social media, pubblicità e analytics partner. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.

In diretta su RAI 1 nella trasmissione "La vita in diretta", il Ministro dell'istruzione Lucia Azzolina ha affrontato diversi temi relativi alla scuola.azzolina1



PROROGA DELLA SOSPENSIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E RITORNO A SCUOLA 
Si tornerà a scuola se e quando le condizioni lo consentiranno. Sicuramente ci sarà una proroga della data del 3 aprile poiché si tornerà a scuola quando secondo le autorità sanitarie si potrà tornare a scuola garantendo la salute e la sicurezza degli studenti e di tutto il personale scolastico.

CONCLUSIONE DELL'ANNO SCOLASTICO
Se la didattica a distanza funziona, come sta funzionando in buona parte del paese, non c'è alcun motivo per prevedere un prolungamento dell'anno scolastico nei mesi di luglio e agosto.

ESAME DI STATO
Il ministero sta lavorando a un esame di Stato con commissioni composte dai docenti interni del consiglio di classe e un Presidente esterno che assicuri la regolarità delle operazioni. Ciò affinché si 
tenga conto del lavoro che stanno facendo gli studenti senza penalizzazioni rispetto al periodo drammatico che l'Italia sta vivendo.
Nei prossimi giorni forniremo agli studenti tutte le altre informazioni sia in merito all'esame di stato del II ciclo sia in merito all'esame conclusivo del I ciclo. 

DIGITAL DIVIDE E RISORSE PER LA DIDATTICA A DISTANZA
Al fine di ridurre il c.d. "Digital divide", ovvero il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione, saranno destinati 70 milioni di euro allo scopo di mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d'uso, dispositivi digitali e connessione internet per la didattica a distanza. 
A tal fine è stato firmato proprio ieri il decreto per la ripartizione di tali risorse fra le varie scuole.