Zone rosse: personale in presenza solo nei soli casi effettivamente necessari, previa apposita autorizzazione [Nota Ministeriale]

3D medical animation corona virus

Come è noto, per effetto del decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30 e delle successive ordinanze firmate dal Ministro della Salute, sono state introdotte ulteriori prescrizioni limitative della libertà di circolazione, che si ripercuotono, tra l’altro, sulla presenza in servizio del personale. Con il passaggio nella c.d. “zona rossa” di diverse Regioni, in particolare, preme rammentare le previsioni di cui all’art. 48 del DPCM 2 marzo 2021, per effetto delle quali “I datori di lavoro pubblici limitano la presenza del personale nei luoghi di lavoro per assicurare esclusivamente le attività che ritengono indifferibili e che richiedono necessariamente tale presenza, anche in ragione della gestione dell'emergenza. Il personale non in presenza presta la propria attività lavorativa in modalità agile”.

Si invitano conseguentemente i responsabili di ciascun ufficio posto nelle c.d. zone rosse, a porre massima attenzione alle richiamate prescrizioni, in modo da garantire la corretta applicazione del regime di lavoro agile semplificato e consentire la presenza in servizio del personale, come già avvenuto nel precedente periodo di “lock-down”, nei soli casi effettivamente necessari, previa apposita autorizzazione, anche rilasciata in via informale.

Si rammenta inoltre, ad ogni buon fine che anche nelle c.d. zone gialle ed arancioni gli spostamenti sono consentiti solo se motivati da “comprovate esigenze lavorative” (cfr. artt. 9 e 35 del citato D.P.C.M). Si invitano pertanto i responsabili degli uffici posti nelle zone gialle ed arancioni a disciplinare la presenza in servizio del personale tenendo conto delle disposizioni sopra richiamate. Si confida nella massima collaborazione e si resta a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento, che potrà essere richiesto, come di consueto, alla competente direzione generale per le Risorse Umane e Finanziarie (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

 

VEDI LA NOTA


Stampa