fbpx

Il TFR - (Trattamento Fine Rapporto) degli insegnanti

Articoli Visite: 44047

COS'È IL TFR
Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) è disciplinato dall'art. 2120 del codice civile. Si tratta di una somma di denaro corrisposta al lavoratore nel momento in cui termina il rapporto di lavoro, sia che questo avvenga consensualmente sia per atto unilaterale. 
L’importo è determinato dall'accantonamento, per ogni anno di servizio o frazione di anno, di una quota pari al 6,91% della retribuzione annua e dalle relative rivalutazioni. In caso di frazione di anno, la quota è ridotta in maniera proporzionale e si calcola come mese intero la frazione di mese uguale o superiore a 15 giorni.
Il TFR spetta sia ai lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato, sia con contratto a tempo determinato della durata minima di 15 giorni continuativi nel mese. 
TFR tfr


MODALITÀ DI PAGAMENTO PER I CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO
Ai docenti assunti con contratto a tempo indeterminato che hanno terminano il servizio e hanno maturato i requisiti pensionistici a partire dal 1° gennaio 2014, il pagamento del TFR è corrisposto come segue:

Il TFR è corrisposto d’ufficio, pertanto il lavoratore non deve fare alcuna domanda per ottenere la prestazione, e viene liquidato dopo 12 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro (CIRCOLARE INPS N. 73). Da quel momento l'INPS avrà 3 mesi di tempo per provvedere al versamento del TFR (vedi paragrafo sotto). 


MODALITÀ DI PAGAMENTO PER LE SUPPLENZE BREVI O FINO Al 30 GIUGNO
Per il docenti con contratto di supplenza breve o fino al 30 giugno, il TFR viene liquidato dopo 12 mesi dalla scadenza del contratto e l'INPS avrà 3 mesi di tempo per provvedere al versamento del TFR all'insegnante. Pertanto, tale somma verrà effettivamente percepita dall'insegnante tra il 12esimo e il 15esimo mese successivo alla scadenza del contratto.
Così, infatti, dispone l'art. 3 comma 2 della Legge 28 marzo 1997 n. 79 così come modificata dalla Legge 27 dicembre 2013 n. 147: la liquidazione dei trattamenti di fine servizio nei casi di cessazione dal servizio per raggiungimento dei limiti di servizio, avviene decorsi 12 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro (è proprio questo il caso di una supplenza breve nella scuola).
Decorsi 15 mesi senza il pagamento del TFR il docente avrà diritto ad ottenere il pagamento degli interessi di mora.
Si ricorda, inoltre, che il trattamento di fine rapporto matura in seguito a un incarico di supplenza di almeno 15 giorni continuativi nello stesso mese: frazioni inferiori ai 15 giorni non sono conteggiate come un mese di servizio e non danno quindi diritto al pagamento del TFR.
In particolare così come precisato dalla C.M. n. 121 del 7 novembre 2002:
  • Una prestazione lavorativa effettuata ininterrottamente, in un mese, per 14 giorni non dà diritto al T.F.R.;
  • Una prestazione lavorativa effettuata ininterrottamente per 15 giorni, ma a cavallo di due mesi non dà diritto al T.F.R (es. servizio prestato dal 28 di marzo al 13 di aprile);
  • Una prestazione lavorativa effettuata ininterrottamente per 15 giorni nello stesso mese (es.: marzo) dà diritto al TFR purché il servizio sia stato prestato senza soluzione di continuità eventualmente anche prestato sulla base di due o più contratti anche stipulati con amministrazioni diverse. Quindi, non rileva il numero di contratti ma il fatto che non vi sia stata soluzione di continuità fra di essi.
  • Al contrario, una prestazione mensile articolata su vari contratti "non continuativi" non dà diritto al TFR: ad esempio, un contratto di 10 giorni e poi un altro contratto di 5 giorni con un intervallo anche di un solo giorno fra i due periodi, non dà diritto al TFR e ciò anche se i due contratti risultano stipulati con la medesima scuola (non si devono ritenere interruzioni le assenze cui gli interessati hanno diritto per legge o per contratto, quali per esempio lo sciopero, pur se non retribuite).
  • Nel caso di servizio nel quale sono compresi periodi con contribuzione stipendiale ridotta, ad esempio, per malattia o maternità, il diritto al TFR sorge comunque senza che la riduzione della retribuzione incida sulla misura.  
SERVIZIO PRESTATO PER UN ORARIO SETTIMANALE INFERIORE A QUELLO DI CATTEDRA

Il servizio prestato per un orario settimanale inferiore a quello di cattedra, fermi tutti gli altri requisiti, fa sorgere, comunque, il diritto al T.F.R. che, ovviamente, verrà corrisposto in misura ridotta in proporzione (C.M. n. 121 del 7 novembre 2002).

 
SUPPLENZE ANNUALI AL 31 AGOSTO 
Nel caso delle supplenze fino al 31 agosto, se il 1 di settembre viene sottoscritto un nuovo contratto il TFR non verrà liquidato entro il 15esimo mese (come nel caso delle supplenze brevi) ma sarà accantonato ed erogato al termine della carriera, come accade per i docenti di ruolo (quindi al momento della pensione oppure decorsi 12\15 mesi dall'interruzione del rapporto di lavoro). Ciò vale anche nel caso in cui si sottoscriva un contratto successivamente ma con decorrenza giuridica 1 settembre (es. stipula di contratto da GAE ad Ottobre con decorrenza economica ottobre ma con decorrenza giuridica 1 settembre).
Se invece non verrà sottoscritto un nuovo contratto al 1° settembre, il TFR verrà liquidato decorsi 12 mesi dalla scadenza del contratto e l'INPS avrà sempre 3 mesi di tempo per provvedere al versamento del TFR all'insegnante.

GESTIONE DEL TFR DA PARTE DELLE SCUOLA
A partire dal 1° settembre 2015, è disponibile sul SIDI (il sistema informativo utilizzato dalle segreterie delle scuole) una nuova area "Gestione Giuridica e Retributiva Contratti scuola". Le nuove funzionalità sono frutto della collaborazione fra il Ministero dell'istruzione (MIUR) e il Ministero dell'Economia (MEF).
Per i contratti gestiti in cooperazione applicativa con il MEF (le supplenze brevi), la predisposizione e l’invio delle pratiche di TFR verso l'INPS non sarà più in carico alle scuole, ma viene gestito automaticamente dal MEF. A partire dall'a.s. 2019/2020, anche per le supplenze annuali e per le supplenze fino al termine delle attività didattiche, la gestione dei dati utili alla liquidazione del TFR non sarà a carico della segreteria scolastica, ma verrà effettuata direttamente dal MEF (vedi nota Ministeriale n. 2178 del 4/09/2019).
Qualora la durata di un contratto di competenza MEF sia inferiore ai 15 giorni consecutivi nel mese e sia immediatamente precedente o immediatamente successivo ad un contratto di competenza MIUR, anch'esso inferiore ai 15 giorni consecutivi nel mese ma che sommato al periodo di competenza MEF raggiunga il periodo minimo per il diritto al TFR, sarà cura dell’istituto scolastico predisporre un modello TFR complessivo ed inviarlo alla sede INPS competente per territorio (FAQ n. 13).

LEGGE 28 MARZO 1997 N. 79
Legge 27 dicembre 2013 n. 147
C.M. 121 del 7 novembre 2002
CIRCOLARE INPS N. 73
NOTA 2966 DEL 1 SETTEMBRE 20152966 DEL 1 SETTEMBRE 2015
FAQ MIUR GESTIONE DEL TFR
Stampa