Ripresa attività didattiche in presenza per il II ciclo: al vaglio l'ipotesi di uno slittamento al 18 gennaio

ripresa attivià inpresenza

Il Premier Giuseppe Conte ha convocato per oggi una riunione (che sarebbe attualmente in corso) con i capidelegazione della maggioranza per fare il punto sulle misure da mettere in campo in vista della scadenza dei provvedimenti attualmente in vigore. Si discuterà anche di scuola in considerazione del fatto che il DPCM 3 dicembre 2020 ha previsto, a decorrere dal 7 gennaio, il rientro a scuola in presenza anche per le scuole del II ciclo (rientro inizialmente previsto per il 75%, poi ridotto al 50% con l'Ordinanza del Ministero della Salute del 24 dicembre). 
Nei giorni scorsi diversi Governatori avevano espresso forti preoccupazioni per il rientro in presenza, con il conseguente auemento delle presenze sui mezzi di trasporto.
Secondo fonti governative, sarebbe al vaglio l'ipotesi di uno slittamento del ritorno in presenza al 18 gennaio.

Intanto anche alcuni sindacati chiedono lo slittamento della ripresa in presenza al 18 Gennaio. Il segretario dello SNALS Elvira Serrafini all'ANSA afferma che "La riapertura della scuola il 7 gennaio è troppo rischiosa. Stiamo prendendo atto dei problemi dell' aumento dei contagi di questi giorni. Giorno 18 gennaio potremmo già avere un'idea dell'andamento epidemiologico e decidere a ragion veduta". 


Stampa