fbpx
HomeArticoliProvvidenze a favore di tutto il personale dipendente del Ministero dell’Istruzione

Provvidenze a favore di tutto il personale dipendente del Ministero dell’Istruzione [Decreto USR Sicilia]

L’USR Sicilia ha pubblicato il Decreto 518 del 22 novembre 2021 relativo alla concessione di provvidenze a favore del personale dipendente del Ministero dell’Istruzione per far fronte alle seguenti evenienze. Analoghi decreti sono stati pubblicati o saranno pubblicati dagli altri uffici scolastici regionali. 

Le provvidenze sono destinate:

  • al personale dipendente del Ministero dell’Istruzione in servizio alla data dell’evento, con contratto a tempo indeterminato, negli Uffici o nelle Istituzioni Scolastiche della Regione Sicilia e alle loro famiglie
  • al personale cessato dal servizio nei medesimi Uffici e Istituzioni Scolastiche nei 12 mesi precedenti la data di presentazione della domanda di concessione.

EVENTI PER I QUALI SI PUÓ PRESENTARE DOMANDA
Le provvidenze sono concesse per le istanze presentate per le seguenti evenienze:

  • prestazioni mediche specialistiche ed interventi chirurgici di particolare gravità, ad eccezione di quelli meramente estetici non determinati da situazioni invalidanti;
  • spese funerarie.

La spesa minima per la quale è consentito inoltrare domanda di sussidio è fissata in € 2.000,00 ed il sussidio medesimo è concesso con preferenza per i redditi I.S.E.E. più bassi ed in misura inversamente proporzionale allo stesso reddito I.S.E.E.

I sussidi sono concessi per le spese connesse ad eventi verificatisi nell’anno 2021. Nei limiti della disponibilità finanziaria, le provvidenze di cui al presente decreto sono concesse dal Direttore Generale previa valutazione delle domande da parte di un’apposita Commissione.

PRESTAZIONI MEDICHE SPECIALISTICHE E INTERVENTI CHIRURGICI
Sono prese in considerazione le domande di sussidio relative a spese connesse a prestazioni mediche specialistiche ed interventi chirurgici di particolare gravità del dipendente e/o dei familiari di seguito specificati:

  • Figli;
  • Coniuge, anche legalmente separato;
  • Genitori, fratelli, sorelle, suoceri purché conviventi e con la medesima residenza;
  • Persone costituenti con il dipendente nucleo familiare di fatto, purché conviventi e con la
    medesima residenza.

Le predette spese devono essere state effettivamente sostenute e devono essere adeguatamente documentate mediante presentazione delle relative ricevute fiscali.

Sono escluse le spese a carico del Servizio sanitario nazionale e quelle rimborsate e/o rimborsabili da Enti e/o Società Assicurative e di assistenza volontaria o obbligatoria.

Sono, altresì, escluse le spese non strettamente connesse alle esigenze di cura delle patologie quali, ad esempi, quelle sostenute per viaggi, pernottamenti, telefonate, ristori, nonché quelle farmaceutiche.

SPESE FUNERARIE
Sono concessi sussidi per le spese effettivamente sostenute dai familiari indicati nel paragrafo precedente a seguito del decesso del dipendente, nonché per le spese effettivamente sostenute dal dipendente per il decesso dei familiari indicati sopra.
Le predette spese devono essere state effettivamente sostenute e devono essere adeguatamente documentate mediante presentazione delle relative ricevute fiscali.

LIMITI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Il personale di cui al precedente art. 2 – comma 1 – può presentare domanda di sussidio per eventi
verificatesi nell’anno 2021 a se stesso o al proprio nucleo familiare come indicato nel medesimo articolo, qualora:

  • il reddito determinato con l’indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) dell’anno immediatamente precedente a quello in cui si fa richiesta di contributo non superi il limite di € 28.000,00;
  • il richiedente non abbia usufruito per i pregressi anni del medesimo contributo una tantum per
    cure ascrivibili alla stessa malattia;
  • non si tratti di spese riferite a rette per ricoveri in case di cura per anziani, protesi e cure dentarie, ticket per farmaci.

Le domande, redatte secondo l’allegato modello che costituisce parte integrante del presente decreto e indirizzate all’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia – Direzione Generale- Ufficio I – Via Fattori, 60 Palermo (Cap 90146), dovranno pervenire, a pena di nullità, dal 1 gennaio al 31 gennaio 2022 all’indirizzo di posta certificata ([email protected]) per il tramite dell’Ufficio o dell’Istituzione scolastica o educativa di appartenenza.

L’oggetto dell’e-mail dovrà contenere la seguente dicitura: (PROVV) Provvidenze personale M.I. 2021 – (Cognome e Nome).
Non saranno prese in considerazione istanze pervenute al di fuori delle modalità sopra indicate, ancorché prodotte nei termini.

Nella domanda dovranno essere indicati i dati anagrafici e il codice fiscale del richiedente, la situazione di dipendenza (in servizio o cessato), la decorrenza del servizio continuativo, la qualifica e l’ultima sede di servizio.
Considerato che l’eventuale sussidio sarà erogato esclusivamente tramite accreditamento su conto
corrente bancario o postale, dovranno necessariamente essere specificati l’istituto di credito e le coordinate IBAN relative a detto conto.

Nella domanda va, altresì, evidenziata l’insussistenza di analoghe richieste inoltrate per lo stesso evento da parte del dipendente o di un altro familiare ad altre Amministrazioni, Ente, Società, Associazioni, né sono stati ricevuti rimborsi e/o sussidi a carico del Servizio sanitario nazionale.

Le dichiarazioni rese e sottoscritte nella domanda hanno valore di autocertificazione. Qualora dal controllo dovesse emergere la non veridicità del loro contenuto, il dichiarante decadrà dai benefici eventualmente conseguiti ed incorrerà nelle sanzioni penali previste dalla normativa vigente.

I Dirigenti dell’Uffici scolastici territoriali o delle istituzioni scolastiche o educative di appartenenza attesteranno nella nota di accompagnamento:

– la qualifica del richiedente e la situazione di dipendenza (in servizio o cessato);
– la decorrenza del servizio di ruolo, ai sensi di quanto previsto dall’art. 1 del presente bando;
– la data di eventuale cessazione dal servizio.

DOCUMENTAZIONE

Alla domanda saranno allegati in formato digitale:

  • i documenti giustificativi relativi alla causale della richiesta ed all’entità della spesa sostenuta. Gli stessi devono essere intestati al richiedente o a un componente del nucleo familiare;
  • La dichiarazione sostitutiva unica ordinaria completa dell’indicatore della situazione economica
    equivalente (ISEE) relativa all’anno 2021. La stessa è rilasciata ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n.445/2000 ed è riferita ai componenti il nucleo familiare del richiedente come definito dall’art. 3 del D.P.C.M. 5 dicembre 2013 n. 159;
  • la copia del documento di identità in corso di validità del richiedente.

Non saranno prese in considerazione dichiarazioni personali relative alle spese sostenute.
La documentazione con i relativi dati necessari per la valutazione e concessione dei sussidi, è raccolta e custodia presso l’Ufficio I ed è utilizzata dall’Amministrazione esclusivamente per le finalità del presente provvedimento.

CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI PUNTEGGI PER L’ASSEGNAZIONE
La Commissione costituita con apposito provvedimento presso la Direzione Generale per la valutazione delle domande di sussidio esaminerà le domande e redigerà la graduatoria di ammissione tenendo conto del reddito ISEE e della spesa sostenuta attribuendo i punteggi come di seguito riportati.

a) Reddito ISEE in euro e corrispondente punteggio:
da 0 a 10.000= 10; dal 10.001 a 15.000= 7; da 15001 a 20.000= 5; da 20.001 a 28.000= 4.
b) Spesa sostenuta in euro e corrispondente punteggio:
da 2.000 a 5.000=1; da 5.001 a 8.000= 2; da 8.001 a 11.000= 3; da 11.001 a 14.000= 4; da 14.001 a 20.000 e oltre=5.

In caso di acclarata consistente inadeguatezza della somma disponibile rispetto all’entità dei bisogni rappresentati, potrà farsi ricorso, a giudizio della Commissione, ad una riduzione proporzionale che consenta una equa distribuzione dei sussidi considerati.

Nell’ipotesi in cui, esaminate le domande relative ai casi di cui agli artt. 2 e 3, residuino ulteriori disponibilità finanziarie, potranno essere prese in considerazione domande di sussidio relative a casi ritenuti, a giudizio della Commissione medesima, particolarmente rilevanti, purché corredate da idonea documentazione attestante l’evenienza e le spese sostenute

VEDI DECRETO

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI