Piano Estate: attività di aggregazione, socializzazione, accoglienza; adesione scuole e docenti su base volontaria

piano estate

Si è svolto ieri l’incontro tra le Organizzazioni Sindacali e il Capo Dipartimento dott. Versari per l’informativa sulla Nota Ministeriale, di imminente pubblicazione, relativa cosiddetto “Piano Estate".

Le scuole potranno aderire al Piano Estate su base volontaria. Tali attività rientreranno nell’autonoma progettazione delle scuole attraverso il coinvolgimento degli Organi Collegiali e saranno affidate a personale interno, di ruolo o precario, o esterno mediante contratti per beni e servizi con realtà associative del territorio. Anche l'adesione del personale dei docenti sarà su base volontaria (anche nel caso in cui la propria scuola abbia aderito) e il loro eventuale impegno sarà retribuito in misura aggiuntiva. Potranno aderire tutte le scuole di ogni ordine e grado comprese le scuole dell’infanzia.

Le risorse destinate ammontano complessivamente a 510 milioni di euro che saranno così ripartiti:

  • 150 mln di euro, relativi a linee di finanziamento del Ministero, saranno distribuiti alle scuole in modo automatico sulla base del numero di alunni. I soldi dovranno essere rendicontate entro dicembre 2021;
  • 320 mln di euro saranno erogati attraverso la partecipazione ai PON – FSE che saranno banditi a giorni. I PON – FSE saranno erogati sul territorio nazionale con percentuali diversificate. Il 70% dei fondi sarà destinato al Sud dove si registrano percentuali più alte di povertà educativa;
  • la rimanenza attiene a fondi ex lege 440/97. L’accesso a questi fondi sarà reso possibile attraverso l’adesione ai progetti ministeriali di prossima emanazione.

Le attività, se programmate, dovranno svolgersi a partire dal mese di giugno, dopo le operazioni di scrutinio e proseguire nei mesi di luglio e agosto sino a settembre. 

Per quanto riguarda le attività da svolgere, a giugno, dopo la fine delle lezioni, saranno previsti dei corsi di rinforzo dell’apprendimento (da non confondere con i corsi di recupero), attività di laboratorio e studio di gruppo.

Nei mesi di luglio e agosto, invece, potranno essere organizzate attività di aggregazione e socializzazione con moduli e laboratori relativi a educazione motoria, gioco didattico, musica, arte, scrittura filosofia, educazione alla sostenibilità e all’imprenditorialità, ma anche potenziamento della lingua italiana e straniera, delle competenze scientifiche e digitali. Le attività potranno svolgersi sia all'interno della scuola che in spazi esterni come teatri, cinema, musei, biblioteche, parchi e centri sportivi. Infine, a settembre si suggeriscono alle scuole attività di accoglienza e accompagnamento al rientro a scuola.

Durante l'incontro non sono state fornite indicazioni sulle modalità di reclutamento e sulla tipologia di rapporto di lavoro che le scuole dovrebbero instaurare con il personale reclutato appositamente per lo svolgimento di tali attività.


Stampa