fbpx
HomeArticoliPersonale scuola: Controllare e aggiornare il proprio domicilio fiscale su NOIPA, ecco...

Personale scuola: Controllare e aggiornare il proprio domicilio fiscale su NOIPA, ecco perché e come fare

Il domicilio fiscale e il comune di residenza del dipendente sono informazioni necessarie per individuare l’aliquota addizionale comunale e regionale da applicare in sede di conguaglio fiscale sulla retribuzione annuale percepita.

Infatti le aliquote comunicali e regionali sono stabilite autonomamente dai comuni e dalle regioni e possono variare da caso a caso.

Per le persone residenti in Italia, di regola il domicilio fiscale coincide con la residenza anagrafica. Per i contribuenti residenti all’estero, il domicilio fiscale è nel comune in cui è prodotto il reddito o, se il reddito è prodotto in più comuni, nel comune in cui è prodotto il reddito più elevato.

Se nel cedolino dello stipendio il domicilio fiscale è errato, l’addizionale comunale (ed eventualmente anche quella comunale) nonché i relativi acconti saranno applicati in modo non corretto.

Anche il relativo conguaglio fiscale 2021 (che di regola si effettua a febbraio) e la Certificazione unica 2022 (redditi 2021) scaricabile dal portale e necessaria per la dichiarazione dei redditi 2022 saranno errati.

Questo farà si che, in sede di dichiarazione dei redditi (730 o unico), il contribuente dovrà indicare\rettificare il dato corretto del proprio domicilio fiscale (rispetto a quello erroneamente indicato nella certificazione unica) e, qualora l’aliquota applicata per le addizionali sia diversa rispetto a quella corretta, dovranno essere effettuati dei conguagli (a debito o a credito a seconda che l’aliquota applicata sia inferiore o superiore a quella corretta).

Per questo motivo è urgente che venga aggiornato il proprio domicilio fiscale sul portale NOIPA. 


COME CAMBIARE IL DOMICILIO FISCALE

NOIPA con la risposta a una FAQ ha fornito la risposta a questa domanda.

Occorre quindi:

1) Entrare sul portale NOIPA con le proprie credenziali SPID (si ricorda infatti che a partire dal 1° ottobre l’accesso avviene esclusivamente con le credenziali SPID oppure tramite carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi).

2) Si accede all’area riservata “self-service” del portale.

3) Si seleziona la funzionalità residenza fiscale/domicilio.

4) Procedere con la variazione dell’indirizzo di residenza. É possibile spuntare anche il flag per fare in modo che il domicilio coincida con l’indirizzo di residenza oppure è possibile impostare un domicilio diverso dalla residenza anagrafica. 

5) Per completare la procedura è necessario indicare il PID identificativo (5 cifre) e cliccare sul tasto conferma. Si tratta di un codice che viene attribuito dopo l’identificazione dell’utente da parte della scuola di servizio. In caso di accesso con Carta Nazionale dei Servizi (CNS), non è richiesto l’inserimento del PIN.

6) A conclusione della procedura l’utente riceverà una mail di conferma dell’operazione, con l’indicazione della data di decorrenza della variazione.

ARTICOLI CORRELATI

ARTICOLI PIÙ POPOLARI

ULTIMI ARTICOLI