Invalidità superiore al 74% e pensione anticipata: maggiorazione contributiva di 2 mesi per ogni anno di lavoro

pensioni

I lavoratori dipendenti invalidi con una percentuale di invalidità riconosciuta superiore al 74% hanno diritto a beneficiare di una maggiorazione contributiva di due mesi per ogni anno di lavoro effettivamente svolto, fino a un massimo di 5 anni complessivi. Quindi, ad esempio, un lavoratore che ha svolto 6 anni di lavoro effettivo con una percentuale di invalidità superiore al 74% potrà contare su un “bonus” contributivo di un anno.

L'attribuzione del beneficio non è automatica ma viene concessa, solo su domanda, al momento della liquidazione della pensione o del supplemento.

È bene precisare che trattandosi di contributi figurativi questi sono utili solo per il diritto alla pensione mentre non incidono sull'entità della pensione.

L' anzianità contributiva del lavoratore viene maggiorata, ai fini del riconoscimento e della liquidazione della pensione e per un massimo di 5 anni:
  • di 2 mesi per ogni anno di attività prestata dal riconoscimento dell'invalidità;
  • di 1/6 per ogni settimana di lavoro svolto per periodi inferiori all' anno.

Pertanto si considerano solamente i periodi di servizio effettivo svolti dopo il riconoscimento dell'invalidità.


Stampa