Indicazioni operative per i lavoratori e le lavoratrici fragili [Circolare Interministeriale 4 settembre 2020]

È stata emanata la circolare interministeriale n. 13 del 4 settembre 2020 che fornisce chiarimenti sul ruolo del medico competente e sulle misure per i c.d. lavoratori e alle lavoratrici fragili.
lavoratori fragiliLAVORATORI FRAGILI
Nella circolare si legge che il concetto di fragilità va individuto in quelle condizioni dello stato di salute rispetto alle patologie preesistenti che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave o infausto e può evolversi sulla base di nuove conoscenze scientifiche sia di tipo epidemiologiche che di tipo chimico.
Viene chiarito che il parametro dell'età da solo, anche sulla base delle evidenze scientifiche, non costituisce un elemento sufficiente per definire uno stato di fragilità. Non è rilevabile alcuna automatismo fra le caratteristiche anagrafiche e di salute del lavoratore e l'eventuale condizione di fragilità: la maggiore fragilità delle fasce di età più avanzate va intesa congiuntamente alla presenza di comobirbilità che possono integrare una condizione di maggiore rischio.

INDICAZIONI OPERATIVE
Ai lavoratori e alle lavoratrici deve essere assicurata la possibilità di richiedere al datore di lavoro l'attivazione di adeguate misure di sorveglianza sanitaria in presenza di patologie con scarso compenso clinico.
Le eventuali richieste di visita dovranno essere correlate da documentazione medica relativa alla patologia diagnosticata a supporto della valutazione del medico competente. 
All'esito di tale valutazione, il medico competente esprimerà il giudizio di idoneità fornendo, in via prioritaria, indicazioni per l'adozione di soluzioni maggiormente cautelative per la salute del lavoratore, riservando il giudizio di non idoneità ai soli casi che non consentano soluzioni alternative
Resta ferma la necessità di ripetere periodicamente la visita anche alla luce dell'andamento epidemiologico e dell'evoluzione delle conoscenze scientifiche in termini di prevenzione, diagnosi e cura. 

Vedi la Circolare


Stampa