I Quaderni di “Sport di Classe” per la scuola primaria [Nota Ministeriale]

Il Ministero dell’Istruzione e Sport e Salute, in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), promuovono in continuità con gli anni precedenti per le scuole primarie di tutta Italia i Quaderni di “Sport di Classe”, un progetto formativo, dedicato a tutta la comunità educante, costruito, pensato e adattato tre l’altro all’esigenza di contenimento dell’attuale situazione di emergenza sanitaria. L’obiettivo è quello di fornire strumenti didattici e ludici idonei a stimolare l’attività motoria per i bambini dai sei ai dieci anni, in ambito scolastico e familiare, in un contesto in cui diventa quanto mai rilevante promuovere il movimento e orientare i bambini verso sani stili di vita.

Ministero istruzione

IL PROGETTO

Il progetto formativo, nel prevedere e contestualizzare percorsi e giochi motori realizzabili a scuola e a casa, promuove nel bambino la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità, la conoscenza e la consapevolezza della propria identità corporea, nonché il continuo bisogno di movimento come cura costante della propria persona e del proprio benessere.

I Quaderni di “Sport di Classe” presentano contenuti e proposte didattiche per tutte le classi della scuola primaria, dalla 1a alla 5a , che, grazie alla collaborazione di autori e curatori del progetto e all’esperienza maturata con le precedenti edizioni, facilitano il perseguimento degli obiettivi preposti nel rispetto delle misure di sicurezza vigenti per l’attuale contingenza sanitaria.

L’iniziativa prende in considerazione anche l’eventualità che possano verificarsi sul territorio interruzioni temporanee dell’attività didattica in presenza, in ambiti territoriali o in singole scuole o classi, e illustra, quindi, contenuti utilizzabili anche attraverso forme di didattica digitale integrata.

 

I DOCUMENTI DI PROGETTO

I Quaderni di “Sport di Classe” sono disponibili online nel sito di Sport e Salute S.p.a. https://www.sportesalute.eu/sportdiclasse e comprendono un compendio metodologico-didattico oltre a schede applicative. Il compendio, fatto salvo il noto principio dell’autonomia scolastica, illustra alcune specifiche spunti per lo svolgimento delle iniziative, mentre le schede propongono attività, giochi e laboratori con una particolare attenzione all’inclusione, grazie alla collaborazione intercorsa con il Comitato Paralimpico Italiano.

Il materiale messo a disposizione si compone, pertanto, di:

  • una Guida didattica per la scuola primaria, indirizzata ad insegnanti, contenente le principali “istruzioni per l'uso”;
  • le Schede pratiche per attività a scuola, pensate per insegnanti con percorsi e giochi motori per tutte le classi. Le attività proposte potranno essere svolte anche all’aperto, in palestra o in altro spazio adeguato, rispettando le misure vigenti di sicurezza e di distanziamento interpersonale. Sono previste, altresì, schede utilizzabili per la didattica digitale integrata;
  • le Schede pratiche per attività a casa, indirizzate a genitori e bambini con giochi e attività della campagna “Lo Sport è di casa”, che si potranno realizzare a casa o all’aperto, sotto l’accurata supervisione di adulti e genitori;
  • video-tutorial breve su come utilizzare al meglio il contenuto delle pubblicazioni;
  • webinar che prevedono un percorso di formazione gratuito, curato dalla Commissione DidatticoScientifica di Sport di Classe e dagli autori dei Quaderni, in collaborazione con la Scuola dello Sport e il CIP, con particolare attenzione sui contenuti del progetto formativo. I primi webinar proposti per quest’anno, verteranno sui seguenti temi: “I Quaderni di Sport di classe e i focus formativi” e “Le diversità e l’inclusione nei Quaderni di Sport di classe”. Le date e le informazioni per partecipare ai webinar, sono disponibili nello stesso sito;
  • videoclip dimostrative, pubblicate online settimanalmente, su come realizzare diverse attività pratiche proposte nelle schede dei Quaderni. Eventuali informazioni aggiuntive o richieste di chiarimenti potranno essere rivolte all’indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 

VEDI LA NOTA


Stampa