Graduatorie ATA: titoli valutabili se posseduti entro il 22 aprile, quali titoli vanno dichiarati

personale ATA

Il Ministero dell'Istruzione ha emanato il decreto ministeriale n. 50 del 3 marzo 2021 con cui è indetta la procedura di aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia del personale ATA per il triennio scolastico 2021\23. 

Tali graduatorie serviranno, dall’anno scolastico 2021-22, per coprire le supplenze temporanee per la sostituzione del personale temporaneamente assente e per la copertura di posti resisi disponibili, per qualsiasi causa, dopo il 31 dicembre di ciascun anno.

Gli aspiranti sono inseriti nelle graduatorie di terza fascia, con riferimento al profilo professionale richiesto, secondo il punteggio complessivo decrescente calcolato in base all'annessa tabella di valutazione dei titoli (Allegato A), con l'indicazione degli eventuali titoli di preferenza.

 

DOMANDA DI INSERIMENTO
L'aspirante che chiede un nuovo inserimento per uno o più profili professionali, deve specificare nella domanda eventuali titoli di cultura e servizio valutabili di cui chiede la valutazione ai fini dell'attribuzione del punteggio e del riconoscimento delle preferenze. I requisiti ed i titoli valutabili devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della relativa domanda (22 aprile).

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO
Gli aspiranti già inclusi nelle graduatorie di istituto di terza fascia del precedente triennio dovranno presentare domanda di aggiornamento esclusivamente per le informazioni relative a titoli di cultura o servizi non dichiarati in precedenza, valutati ai sensi dell'annessa tabella, specificando il profilo professionale e i titoli di accesso al profilo richiesto.
In sostanza la domanda di aggiornamento dovrà essere presentata da coloro che devono dichiarare nuovi titoli di cultura o servizi non dichiarati in occasione dei precedenti aggiornamenti. In tal senso, si può trattare tanto di titoli conseguiti nel triennio 2017\2020 e quindi non dichiarabili nel precedente aggiornamento, tanto di titoli conseguiti in precedenza che per dimenticanza o per qualsiasi altro motivo non sono stati dichiarati.

DOMANDA DI CONFERMA
I docenti che non intendano dichiarare nuovi titoli o servizio dovranno presentare domanda di conferma. A tali aspiranti già inclusi nelle graduatorie di circolo e di istituto vigenti per il triennio scolastico precedente, purché presentino domanda di conferma per il/i medesimo/i profilo/i professionale/i per la medesima o diversa provincia, sarà assegnato il punteggio con cui figurano nelle relative graduatorie di terza fascia sulla base dei titoli presentati in occasione della costituzione delle graduatorie di circolo e di istituto formulate in base al D.M. 30 agosto 2017, n. 640 e delle rettifiche intervenute a seguito delle verifiche effettuate dalle istituzioni scolastiche competenti.

 

TITOLI DI PREFERENZA
In ogni caso, le dichiarazioni concernenti i titoli di preferenza di cui all’articolo 5, comma 4, nn. 13), 14), 15), 18) e 19) del DPR 9 maggio 1994, n. 487 devono essere necessariamente riformulate dagli aspiranti che presentino la domanda di inserimento o di conferma o di aggiornamento in quanto trattasi di situazioni soggette a scadenza che, se non riconfermate, si intendono non più possedute.

TITOLI DI RISERVA
Nello scorrimento delle graduatorie di circolo e di istituto non opera alcuna riserva di posti nei riguardi delle categorie beneficiarie delle suddette disposizioni. Questo perché l'assolvimento degli obblighi derivanti dall'applicazione della legge 19 marzo 1999, n. 68 e dalle altre leggi speciali che prescrivono riserve di posti in favore di particolari categorie è interamente soddisfatto in sede di costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato, mediante scorrimento delle corrispondenti graduatorie provinciali permanenti (c.d. graduatorie 24 mesi), dei corrispondenti elenchi provinciali ad esaurimento e delle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico per le supplenze

 


Stampa